- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

“I vecchi e i “nuovi” sostenitori di Noi Campani sono disinformati, e anche in malafede, come d’altronde il loro capo politico Mastella, che della città non conosce sostanzialmente nulla”.

Così in una nota stampa Fausto Pepe. L’ex sindaco di Benevento interviene su alcune delle vicende al centro del dibattito politico negli ultimi giorni.

“La vicenda Asia – prosegue Pepe – è emblematica. Giusto per ricordare a chi dei nostri ha perso la memoria, l’Asia nell’anno 2006, quando siamo stati eletti al governo della Città, non aveva nemmeno l’autorizzazione a trattare e trasportare rifiuti. Con la mia amministrazione e con la guida operosa sia del compianto assessore Enrico Castiello che del Presidente Lonardo, è divenuta una azienda leader del settore ambiente: la raccolta differenziata a percentuali altissime; la formazione nelle scuole per sensibilizzare i bambini; le campagne comunicative per raccontare ai beneventani che differenziare era “bello”; gli ecopoint nelle contrade. Per non parlare dei lavoratori interinali sostanzialmente beneventani, o dei lavoratori ex Russo in attesa di una stabilizzazione che poi non è arrivata”.

“Insomma – aggiunge Pepe – una azienda operosa e laboriosa che teneva pulita una città e forniva servizi adeguati. Ma la colpevole disinformazione del regime Mastella deve tentare di azzerare il passato, per asserire che “prima di lui solo diluvio”, e per non avere termini di paragone non sostenibili. Ma così non è, – conclude Fausto Pepe – la Vittà ha sempre avuto una sua identità ed ancora di più una sua dignità, peraltro tutta beneventana”.