Tempo di lettura: 2 minuti

Il Perù si arrende all’Argentina e vede allontanarsi sempre di più i Mondiali di Qatar 2022. Nel match giocato a Buenos Aires la scorsa notte la Blanquirroja è stata sconfitta 1-0 con gol di Lautaro Martinez al 43′ del primo tempo. Protagonista tra i peruviani l’attaccante del Benevento, Gianluca Lapadula, vicino al gol in ben due occasioni nei minuti iniziali, a punteggio ancora fermo sullo 0-0. Al 6′ la punta giallorossa ci ha provato su punizione costringendo il portiere avversario Martinez alla respinta con i pugni. Al 20′ un’altra occasione sciupata: dopo un controllo perfetto al centro dell’area il “Bambino delle Ande” non è riuscito a imprimere la giusta forza alla conclusione a due passi dall’estremo difensore argentino vedendo crollare le speranze di portare sorprendentemente in vantaggio i suoi.

Nella ripresa la selezione di Gareca ha fallito il pareggio su calcio di rigore sbagliato da Yotun al 65′. A causa degli altri risultati il Perù è scivolato addirittura al nono posto nel gruppo di qualificazione sudamericano, davanti solo al Venezuela, quando mancano sei partite alla fine da giocare contro Bolivia, Venezuela, Ecuador, Uruguay, Paraguay e Colombia, tutti scontri diretti con margine di errore ormai infinitesimale se si vuole provare a centrare il bottino grosso. 

“Penso che abbiamo giocato molto bene le tre partite, sarebbe stato meglio vincere un punto o due in più, ma credo che l’atteggiamento della squadra sia stato buono – ha commentato Gianluca Lapadula, in campo per 85 minuti prima della sostituzione nel finale, esprimendo un certo ottimismo per il cammino futuro e andando controcorrente rispetto al pensiero comune -. Anche contro l’Argentina abbiamo fatto una grande partita contro un rivale fortissimo. La cosa più importante è aver giocato bene, dobbiamo lottare fino alla fine perché tutto è possibile. Se crediamo in noi possiamo farcela a tagliare il traguardo”