Tempo di lettura: 2 minuti

Sottoscritto questa mattina presso la casa circondariale di Capodimonte il protocollo di intesa tra comune di Telese Terme, carcere e UEPE per l’impiego di soggetti in affidamento in prova al servizio sociale e detenuti domiciliari per la manutenzione e valorizzazione del verde pubblico e del patrimonio comunale.

Una iniziativa promossa dall’assessore alle Pari Opportunità nell’ambito delle azioni volte al

recupero e al reinserimento sociale di coloro che sono sottoposti a provvedimenti dell’autorità giudiziaria.

“Questa iniziativa ha una duplice finalità – spiega l’assessore Filomena Di Mezza – sensibilizzare la comunità locale rispetto alla necessità di recuperare soggetti che hanno commesso errori e   costituire una rete di risorse che svolgano attività di volontariato a favore della Comunità.

Lo scopo rieducativo della pena che ispira il nostro ordinamento trova attuazione in questo protocollo che vede la collaborazione di più istituzioni pubbliche”. 

“L’accordo siglato è anche un segnale di emancipazione sociale – aggiunge l’assessore alla Sicurezza, Piervincenzo Bisesto – che l’amministrazione comunale vuole dare visto che Telese Terme è uno dei centri più importanti del Sannio ed è il primo comune della provincia che ha siglato un accordo del genere”. 

“Ringrazio il dott. Gianfranco Marcello, direttore della Casa Circondariale di Benevento e la dott.ssa Marisa Bocchino, direttore UEPE Benevento per aver accolto la nostra istanza sottoscrivendo l’intesa – dichiara, infine, il sindaco Giovanni Caporaso -. Ringrazio anche gli assessori Di Mezza e Bisesto per aver seguito tutte le fasi di questo accordo. E’ una importante opportunità sia per chi deve scontare una pena che per la nostra città”.