Tempo di lettura: 2 minuti

Puglianello si conferma il Comune della Campania dove si pagano le tasse più basse. L’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Francesco Maria Rubano, ha difatti portato a casa un altro importante risultato tenendo fede, anche per la prossima annualità, ad un impegno contratto con la cittadinanza durante la campagna elettorale.

Il Consiglio comunale ha infatti deliberato ancora una volta la minima spesa per l’IMU, la tassa sugli immobili, che già tra il 2019 e il 2021 aveva subito una sforbiciata pari all’1,7 x 1000. L’aliquota base nazionale è pari all’8,6 x 1000 mentre quella del Comune di Puglianello sarà, al pari dello scorso anno, equivalente al 6,9 x 1000.

“In un momento particolarmente delicato come questo abbiamo pensato ancora una volta alle persone – spiega il sindaco Francesco Maria Rubano -. La gente adesso ha bisogno di sentire vicina l’Amministrazione Comunale attraverso gesti concreti e provvedimenti che consentano alle famiglie di respirare, di non sentirsi oppressi dai tributi elevati. Quando siamo stati eletti abbiamo preso degli impegni con la cittadinanza e abbiamo una serie di nodi al fazzoletto che stiamo man mano sciogliendo. I patti con il popolo vanno rispettati sempre, solo così un Comune può definirsi virtuoso. Pianifichiamo lo sviluppo del nostro territorio e allo stesso tempo curiamo  la nostra comunità con sensibilità ed impegno”.

La delibera è stata approvata all’unanimità dalla civica assise, incluse le forze di minoranza. “Questo certifica la bontà del nostro operato e la direzione che hanno le nostre politiche – spiega il capogruppo di maggioranza Antonello De Luciasempre improntate verso la collettività e mai votate all’interesse del singolo. Il fatto che anche i componenti del gruppo di opposizione “Puglianello Insieme” abbiano apprezzato l’iniziativa, ci inorgoglisce perché anche attraverso il loro voto favorevole si attesta che siamo un gruppo politico capace di amministrare il bilancio comunale e di programmare il corretto indirizzo del territorio. A loro il nostro grazie” – conclude il capogruppo di “Uniti e Coerenti”.