Tempo di lettura: 2 minuti
Puglianello (Bn) – Sarà direttamente il Comune di Puglianello ad occuparsi degli anziani ultra-ottantenni e di tutte quelle persone appartenenti alle fasce deboli che non sono in grado di espletare in maniera autonoma le procedure di prenotazione per la vaccinazione anti-COVID. Lo farà attraverso l’ausilio del Forum dei Giovani e di volontari, e mettendo a disposizione dei locali, dove il personale medico e paramedico eventualmente inviato dall’Asl possa provvedere alla somministrazione dei vaccini.
 
L’Amministrazione Comunale di Puglianello presenterà la sua proposta operativa al tavolo convocato per questo pomeriggio alle 14.30 dal direttore generale dell’Asl, Gennaro Volpe, presso l’auditorium di Via Oderisio a Benevento. Incaricato di illustrare le linee guida dell’Amministrazione Comunale sarà il consigliere delegato alla Sanità del Comune di Puglianello Antonello De Lucia, esperto in materia chimico-farmaceutica, che parteciperà al vertice al posto del sindaco Francesco Maria Rubano, assente per inderogabili motivi professionali.
 
“Considerati i tempi ristretti e la necessità di accelerare quelli della campagna di vaccinazione – ha spiegato il primo cittadino – riteniamo opportuno arrivare all’incontro già con le idee chiare e con suggerimenti sui quali confrontarsi con i colleghi sindaci e con i vertici ASL e di distretto. Sappiamo bene che nella battaglia contro la pandemia dobbiamo giocare d’anticipo e soprattutto avere la responsabilità di programmare interventi risolutivi con una certa celerità. Siamo pronti a fare la nostra parte, d’altro canto sulla questione siamo in trincea già dal mese di marzo 2020 con iniziative di alto rigore con cui siamo arrivati anche a sigillare i confini in pieno lockdown, e ancora con aiuti, sussidi, contributi alle famiglie, distribuzione derrate alimentari, sanificazione del territorio, omaggi di colonnine igienizzanti, alleggerimento del gettito tributario, riduzione tasse, annullamento Tari per le attività costrette alla chiusura, e siamo stati inoltre i primi a mettere in campo la campagna di screening a tappeto della popolazione, monitorata costantemente ancora oggi attraverso i tamponi molecolari”.