Tempo di lettura: 2 minuti

Sant’Agata de Goti (Bn) – “Ahimè a malincuore devo lasciare per sempre la cucina di Masterchef. Mi porto dentro ogni singolo istante vissuto tra quei fornelli, con delle persone fantastiche che nel tempo sono diventate parte di me e resteranno per sempre nel mio cuore. Ho provato un mix di emozioni fortissime che mai e poi mai avrei creduto di poter provare nella vita.
Non è stato semplice ma posso dire di avercela fatta, perché anche solo essere risuscita ad entrare nella cucina di Masterchef è stato un traguardo importantissimo. Ho imparato una cosa importantissima: Nella vita o si vince o s’impara: NON SI PERDE MAI.

E’ con questo messaggio che Gianna ha salutato la cucina più famosa d’Italia alla fine dell’undicesima puntata della nona stagione. Stavolta la sannita non è riuscita a convincere i giudici che l’hanno indicata prima tra i peggiori, insieme a Giada e Vincenzo, e poi l’hanno eliminata, non senza qualche contestazione e nell’incredulità della stessa concorrente che non se l’aspettava. Il piatto presentato nel corso dell’invention test, un risotto con il limone caviale, non ha avuto il favore dei giudici che non hanno avvertito la presenza dell’agrume nel piatto, una motivazione che non ha convinto la stessa aspirante chef. Resta la bellissima esperienza per Gianna Meccariello, la sannita che, con grande dolcezza e infinita voglia, ha cercato di ritagliarsi il suo spazio in un mondo, quella della cucina, che non ammette errori. Al di là dell’esito finale, può comunque dire di esserci riuscita.