Tempo di lettura: 2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo la riflessione di Veronica Rotunno, Presidente associazione politico culturale “La Tua Benevento”

“Le dimissioni del sindaco di Benevento, hanno innescato una serie di effetti, e pongono una serie di riflessioni politiche. Il richiamo dell’on. Mastella all’unità del centro-destra sembra non riscuotere buon esito visto la contrarietà di alcuni componenti, ed appare quantomeno un’anomalia gettare la spugna perché non si riesce ad amministrare, per poi cercare di riproporsi, seppur con la giusta ambizione di far scegliere legittimamente ai cittadini se la città è migliorata o meno rispetto a quattro anni fa. Per quanto concerne il campo alternativo pare che non ci sia la quadra; sia su  una visione condivisa della città, sia su chi possa ergersi a sintesi per guidare un simile progetto. Questo dal mio punto di vista può derivare sia dal fatto  della messa in discussione nei rispettivi campi di due storiche leadership (Clemente Mastella, Umberto Del Basso De Caro), sia dal fatto che forse in città si respira una forte voglia di rinnovamento, tale da poter scaricare vecchie logiche. Forse la città è davvero stanca dei soliti noti, stanca di subire decisioni sul suo futuro e candidarti imposti dalle segrete stanze. Chi vuole proporre una visione di Benevento da qui a 5 anni e chi ambisce a volerla amministrazione, deve portare le questioni fuori dal palazzo, tra la gente, anche mettendosi in gioco, anche partecipando a meccanismi tipo primarie, le più inclusive e aperte possibili; non si può più prescindere dal far partecipare con le loro proposte, e dal far scegliere i cittadini su futuro della nostra Benevento; credo che se così non sarà nasceranno dal basso progetti alternativi ai soliti vecchi e consumati schemi da sottoporre al giudizio degli elettori”.