- Pubblicità -
Tempo di lettura: < 1 minuto

“Confido nelle indagini dei Carabinieri affinché vengano individuati i responsabili di un gesto orribile: rubare i computer a scuola è come rubare opportunità di cultura ai nostri ragazzi”. Sono queste le dichiarazioni del sindaco di Paupisi, Salvatore Coletta a poche ore dal furto di computer portatili, avvenuto la scorsa notte nel plesso scolastico di Paupisi. “Fare un furto a scuola, privando gli studenti di strumenti per la didattica, è una delle peggiori azioni che si possono compiere e io dico a questi balordi che devono vergognarsi. Il nostro auspicio, come amministratori e come genitori, è che si possano identificare al più presto gli autori di questo sconsiderato e assurdo gesto. Intanto, nel corso del sopralluogo fatto stamattina , ho scoperto il non funzionamento delle telecamere di sorveglianza. Ora stiamo verificando il motivo”. 

Raid dei ladri a scuola, colpiti gli istituti di Ponte e Paupisi