Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa dell’Azienda Ospedaliera San Pio di Benevento

In ordine alla notizia riportata da alcuni organi di stampa, relativa al sequestro “per gravi carenze” di “locali del Rummo” ospitanti il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dipendente dal Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL di Benevento, la Direzione Strategica dell’Azienda Ospedaliera “San Pio”, nel chiarire che il SPDC, per la facoltà temporanea d’uso concessa, resta attivo per garantire la necessaria continuità assistenziale ai degenti ed a disposizione, come sempre, dell’utenza, desidera assicurare che si muoverà tempestivamente per garantire ogni collaborazione all’ASL per la soluzione delle problematiche di tipo strutturale segnalate.

Difatti, l’A.O., lungi dal rimanere inerte rispetto alle problematiche del Servizio Psichiatrico dell’ASL, aveva già recentemente provveduto, attraverso la Direzione Medica del Presidio “G. Rummo” e la U.O.C. Manutenzione e Gestione del Patrimonio, ad un adeguamento degli ambienti ricettivi e di degenza, dell’impianto antincendio e delle porte ed alla fornitura di arredi di moderna concezione.

Le anomalie strutturali alla base del provvedimento riguardante i locali ospitanti il Servizio Psichiatrico dell’ASL sono, d’altronde, un problema comune alla gran parte delle strutture datate o comunque di non recente costruzione, rispetto al quale l’A.O. si è attivata da tempo per idonee soluzioni

La stessa ha già in corso un ampio programma di lavori di ristrutturazione di diversi padiglioni del Presidio Rummo, anche avvantaggiandosi dei finanziamenti richiesti ed accordati ex art. 20 della L. 67/1988“.