- Pubblicità -
Tempo di lettura: < 1 minuto
Quanto verificatosi questa mattina alla Provincia di Benevento, con la defenestrazione per motivi politici dell’amministratore unico di Sannio Europa Giuseppe Sauchella, è di una gravità inaudita e non resterà certo senza conseguenze. Rimuovere senza giusta causa un amministratore di una società pubblica che sarebbe scaduto tra oltre un anno soltanto perché, probabilmente, non allineato politicamente, rappresenta una chiara vendetta nei confronti di uno stimato professionista, colpevole di non aver ubbidito, nei mesi scorsi, agli ordini politici di evitare la sfiducia al sindaco del suo comune o peggio ancora per un pranzo con il sottoscritto. È ancora più grave, però, che questa defenestrazione sia stata messa in atto a quindici giorni dal voto delle Europee, configurando ipotesi che spetta ad altri organi dello Stato verificare. In ogni caso all’avvocato Sauchella la solidarietà mia e della Lega e al vertice della Provincia di Benevento un bel cartellino rosso per essersi reso protagonista di una ritorsione politica che ricorda le peggiori dittature sudamericane”.  Così in una nota Luigi Barone, Responsabile nazionale Coesione Territoriale e Zes della Lega Salvini Premier e candidato alle Europee.