Tempo di lettura: 6 minuti

Solopaca (Bn) – La Fondazione Romualdo Del Bianco con il Movimento Life Beyond Tourism – In Viaggio per il Dialogo” sarà ospite della Festa dell’Uva di Solopaca (Benevento). Una manifestazione dalla lunga tradizione che nel 2019 taglia il traguardo della 42ª edizione e vede ogni anno la cittadina del Sannio, famosa per il vino doc, celebrare il suo prodotto tradizionale con una settimana di eventi che culminano con la tradizionale sfilata di carri allegorici realizzati con i chicchi d’uva.

La Fondazione Romualdo Del Bianco, invitata a partecipare dal sindaco Pompilio Forgione, parteciperà alla tavola rotonda del 7 settembre (ore 17.30, sala convegni del Meg-Museo Enogastronomico) dal titolo “Il territorio del Sannio entra nella rete internazionale del Movimento Life Beyond Tourism”. L’amministrazione comunale di Solopaca presenterà la storia e la tradizione della festa e le aziende produttrici del Sannio presenteranno al pubblico internazionale presente le loro e tradizioni e i loro prodotti, frutto del proprio saper fare.

Nell’occasione, la Fondazione annuncerà anche la partecipazione di alcuni produttori  del Sannio, quali espressioni culturali dei vari territori, al proprio Simposio Annuale sul tema della formazione al dialogo tra culture anche con la presentazione del ‘saper fare dei vari luoghi’, dal titolo “Building Peace through Heritage” (Firenze 13-15 marzo 2020), momento culturale che ogni anno raccoglie a Firenze rappresentanti di decine di Paesi dai 5 continenti. Obbiettivo della Fondazione è rendere visibile su scala mondiale la creatività e l’ingegno di artigiani e aziende che operano su questo territorio, con l’intento di mantenere vive, valorizzandole, le tradizioni che devono essere tramandate nel tempo e che sono una opportunità per favorire l’incontro, la conoscenza, la comunicazione ed il dialogo, fondamentali nel mondo globalizzato.

Un’opportunità di visibilità resa ancora più concreta dalla nomina del territorio Sannio Falanghina, un’area di cinque comuni della provincia di Benevento (Guardia Sanframondi (capofila), Castelvenere, Sant’Agata dei Goti, Solopaca e Torrecuso) a “Capitale Europea del Vino 2019” da parte di Recevin (Rete europea delle 800 Città del Vino). “Il riconoscimento Europeo – sottolinea Paolo Del Bianco, presidente del “Movimento Life Beyond Tourism-In Viaggio per il Dialogo”, della Fondazione Romualdo Del Bianco – è un’occasione straordinaria per un’area dalla quale proviene circa il 50% della produzione vinicola della Campania che vanta vini tutelati dai marchi Docg, Doc, e Igt tra cui i bianchi Falanghina, Greco, Fiano e i rossi Aglianico, Barbera del Sannio”.

La possibilità offerta ai produttori locali, di presentare il proprio ‘saper fare’ ai membri della rete mondiale Life Beyond Tourism-In Viaggio per il Dialogo della Fondazione, rappresenta un contributo concreto per guardare con fiducia al futuro del mercato globale e al mondo digitale che offre grandi opportunità di visibilità. La finalità dunque è quella di esaltare sempre più ‘il saper fare dei singoli’ rendendoli finalmente visibili in un mercato globale non solo commerciale ma, in primo luogo, culturale.

L’iniziativa è declinata anche attraverso una piattaforma commerciale, ma con una forte base culturale basata sull’etica Life Beyond Tourism. L’auspicio è che si sviluppi “una buona pratica” che contribuisca a far crescere nei giovani nuova fiducia verso le possibilità della cultura e della tradizione della propria terra amplificate della rete: vedere il proprio futuro nei propri luoghi e operare per la conservazione delle proprie tradizioni, ma rendendoli visibili e commercializzabili, con mentalità internazionale, su scala mondiale. Divenire, insomma, ambasciatori della propria cultura e operatori nel mondo, indipendentemente dalla propria dimensione.

Il patrimonio e le culture e conoscenze tradizionali locali diventano costruttori di pace facendo apprezzare la diversità delle espressioni culturali dei vari luoghi – spiega Paolo Del Bianco, presidente del Movimento -. Entro l’autunno sarà operativa una piattaforma e-commerce per i membri del Movimento Life Beyond Tourism che sarà di grande aiuto per la diffusione della cultura, anche contemporanea, dei luoghi così come delle tradizioni e delle conoscenze tradizionali dei territori: una piattaforma commerciale in un sistema di e-commerce in ottica culturale”.

La collaborazione tra la Fondazione Romualdo Del Bianco , e quindi il suo Movimento, e il territorio sannita si è aperta con la consegna, nel 2018, del riconoscimento “StregArti. Premio Arco di Traiano – sezione Cultura-Turismo 2018” al presidente Paolo Del Bianco. Al premio è seguito, a inizio 2019, il dono della Fondazione di un busto in marmo di Carrara alla Provincia di Benevento opera di Dino De Ranieri di Pietrasanta raffigurante Galileo Galilei ‘osservatore dei cieli’ quindi una capacità di visione che vada ben oltre il visibile, un forte auspicio per lo sviluppo di una capacità e volontà fondamentali nel nostro modo globalizzato. 
Questa relazione ha creato e continua a creare sempre nuove opportunità di collaborazione tra il presidente della Fondazione Romualdo Del Bianco, Paolo Del Bianco, e la Proloco di Samnium con il presidente Giuseppe Petito, profondo conoscitore del territorio e molto attivo nella sua promozione, e con la collaborazione di Giuseppe Soricelli; collaborazioni frutto di stima e fiducia reciproca alimentate dalla regia di Eraldo Vinciguerra, direttore artistico di Stregarti.

Il progetto di valorizzazione internazionale delle eccellenze del Sannio ha preso le mosse dalla presentazione, lo scorso luglio, del Movimento Life Beyond Tourism-In Viaggio per il Dialogo in Campania. Un incontro organizzato dalla Proloco Samnium che ha visto riuniti nella sala Consiliare del Comune di Solopaca il sindaco Pompilio Forgione e l’assessore Luigi Iannucci, il presidente della Fondazione Romualdo Del Bianco-Life Beyond Tourism Paolo Del Bianco, il presidente della Proloco Samnium Giuseppe Petito, l’amministratore delegato del Movimento Life Beyond Tourism Michele Taccetti e gli attivi operatori del territorio.

Al centro, l’aspetto culturale del territorio: elemento di grande attrazione per i visitatori che scelgono le proprie mete per i loro monumenti, per i paesaggi, per l’enogastronomia ma soprattutto, come nel caso del Sannio, per il suo popolo che trasmette un forte amore per la propria terra e grande passione nell’impegno nella propria attività imprenditoriale. È così che il ‘saper fare’ diventa veicolo di conoscenza tra culture e l’incontro tra i vari ‘saper fare’, rappresenta quindi un’opportunità di dialogo, di conoscenza, di rispetto della diversità per la crescita della comunità internazionale in pacifica coesistenza.

L’area del Sannio è un grande esempio in tutto questo e il Movimento Life Beyond Tourism intende contribuire a presentarla, in particolare sul mercato commerciale, in primo luogo come area culturale che come tale affronta il mercato globale nella determinazione di avere su questo il dovuto impatto con la dovuta forza commerciale, valorizzando ogni singola azienda che è espressione della cultura e dell’identità del territorio.