Tempo di lettura: 2 minuti

Il Sindaco di Guardia Sanframondi Raffaele Di Lonardo è intervenuto ieri pomeriggio all’inaugurazione della mostra ‘Perchè … Pengue’ del Maestro Ernesto Pengue, organizzata dall’Associazione Turistica Pro S. Agata – Pro Loco e dalla Fondazione Galleria Arte Contemporanea e Biblioteca M. Melezio – Centro Studi Sistini con il Patrocinio morale del Comune di Sant’Agata dei Goti e UNPLI.

La mostra organizzata nell’ambito della rassegna ‘Scultura Aperta 2021 – Seconda edizione” “en plein air” presso il giardino di palazzo Mosera Largo Torricella in Sant’Agata dei Goti.

Dopo l’intervento iniziale di Claudio Lubrano, Presidente della Pro Loco,  ha preso la parola il Sindaco di Guardia Sanframondi, la cui presenza è stata molto apprezzata dagli organizzatori. Di Lonardo nel portare i saluti della comunità guardiese, ha rivendicato le affinità  culturali delle comunità di Guardia e di S. Agata, comunità dell’entroterra che con fierezza portano avanti attività culturali e produttive ulteriormente evidenziate nell’organizzazione di questa mostra unitamente  alla cifra  creativa del Maestro Ernesto Pengue. Infine  Di Lonardo ha ringraziato della ospitalità  e dell’attenzione che la cittadina saticulana ha voluto dimostrare nei confronti delle opere dell’artista guardiese.

Un saluto di benvenuto e stato portato dal Sindaco di S. Agata Salvatore Riccio che ha ringraziato anche gli organizzatori della Mostra.

Molto apprezzato l’intervento del critico Rosario Pinto che ha definito Pengue ‘un artista in bilico sull’orlo del tempo che con la sua pratica creativa definisce  la molteplicità di suggestioni formali e di proposte che abbracciano un universo che muove dalle origini  primordiali delle prime esperienze produttive dell’uomo fino alla proiezione futuribile. Suona limitativo definire ‘scultura’ la sua pratica creativa che in realtà si propone come un intervento produttivo di forme che ben si articolano nello spazio alla ricerca di una propria collocazione che, prima di essere ‘locale’, è psicologica e morale.

Infine il Maestro Ernesto Pengue nel salutare gli intervenuti e la comunità di Sant’Agata, ha rivendicato il bisogno di fare arte in luoghi come San’Agata  perchè dalle nostre realtà interne può partire il grido di allarme per la nostra Terra con un chiaro riferimento alla scultura del 2015 dal titolo emblematico: Gaia SSS- spremuta, sfiatata, sfinita … abbiamo poco tempo per cambiare rotta

Un pubblico attento ed interessato ha fatto da cornice alla mostra che rimarrà visibile dal 10 Luglio al 30 Settembre 2021