Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – E’ stato firmato questa mattina a Palazzo San Domenico, sede del Rettorato dell’Unisannio, il protocollo d’intesa tra Comune di Benevento, Università degli Studi del Sannio e Confindustria per la realizzazione di uno studio di pre-fattibilità, finalizzato ad attrezzare uno scalo merci ferroviario nella Zona ASI di Ponte Valentino a Benevento che risulta già fornita da binari ferroviari e da una stazione attualmente in disuso.

Oltre allo studio di prefattibilità tecnico economico, il protocollo prevede la costituzione di un gruppo di lavoro operativo affinchè si possa richiedere a Rete Ferroviaria Italiana la disponibilità a contribuire all’approfondimento delle tematiche dello studio e al Tavolo Tecnico Alta Velocità/Alta Capacità Napoli-Bari, costituito presso la Regione Campania, in particolare riferimento alle opere infrastrutturali, di accompagnare i soggetti proponenti nel lavoro da farsi.

Un’operazione che Comune di Benevento, Confindustria e Università hanno deciso di condurre e promuovere considerando che l’Alta Velocità/Capacità Napoli-Bari riveste carattere di assoluta priorità e di estremo interesse per il territorio di Benevento, che si colloca al centro della tratta e che vedrebbe valorizzata la sua naturale vocazione di snodo nevralgico sulla direttrice tirrenica adriatica.

In più il trasporto ferroviario potrebbe rappresentare una significativa leva di competività per il sistema produttivo esistente, oltre ad essere foriero di nuovi investimenti. Inoltre Confindustria Benevento, soggetto firmatario, ha già registrato da parte di numerose aziende associate l’interesse ad approfondire il tema legato al trasporto merci tramite ferrovia.

Per il Comune di Benevento, invece, l’area riveste un ruolo fondamentale per la presenza di rinominate aziende: Rummo SPA, Leonardo SPA, Nestlè Italiana SPA, e perchè rientra nell’ambito della perimetrazione delle Zone Economiche Speciali.

Alla firma del documento erano presenti il Sindaco di Benevento, Clemente Mastella; il presidente di Confindustria, Filippo Liverini; il Rettore dell’Unisannio, Filippo de’Rossi e il consigliere del Governatore De Luca in merito ai lavori per l’Alta Velocità Napoli-Bari, Costantino Boffa.

“Obiettivo del protocollo – ha dichiarato il presidente di Confindustria FIlippo Liveriniè verificare la pre-fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di uno scalo merci a Ponte Valentino, partendo da due presupposti di fondo: il primo è che la ferrovia già esiste (stazione Paduli sul Calore) ed è stata anche oggetto di interventi di riqualificazione, ma è attualmente chiusa; il secondo è che è nostra volontà agganciare le opportunità che la realizzazione dell’AV/AC Napoli Bari aprirà anche per il sistema produttivo locale. Vogliamo – ha continuato – che questo territorio sia sempre più attrattivo di investimenti. Il riconoscimento delle Zone Economiche Speciali, la costruzione di un’opera strategica come la Napoli Bari e non ultimo la coesione istituzionale sono ottime condizioni per scegliere il Sannio come sede per potenziali investitori”.

“Compiamo un ulteriore passo verso quella convergenza interistituzionale che fa tanto bene al Sannio – ha dichiarato il prof. de Rossi -. Un territorio può funzionare se tutti gli attori dello sviluppo fanno la loro parte.

Nello specifico Unisannio interverrà con le sue professionalità e competenze nella valutazione dell’impatto socio-economico dell’opera infrastrutturale. In sostanza verificheremo se una infrastruttura di trasporti possa diventare un’occasione di sviluppo per il territorio”.

NEL VIDEO LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI