Tempo di lettura: 2 minuti

Cerreto Sannita (Bn) – «Combattiva, socievole e presente». Questa la Cerreto di Pasquale Calabrese, candidato alla carica di consigliere comunale per Scelgo Cerreto, negli ultimi 5 anni tra i banchi del pubblico consesso sempre dalla parte della fascia tricolore uscente di Giovanni Parente e con il quale proverà a proseguire l’esperienza di governo a Palazzo Sant’Antonio. 

Una parte di quel fronte di giovani che avvieranno il ricambio della classe dirigente della Città di fondazione. Calabrese, 34 anni, nella vita è un dottore di ricerca e un consulente finanziario e commerciale. “Mi candido perché credo in quello che faccio – ha spiegato – credo in quello che rappresento, credo in quello che farò. Scelgo Cerreto perché ho sposato un progetto di coerenza e lealtà, con obiettivi comuni e condivisi, finalità che guardano all’interesse collettivo e non personale. Giovanni Parente ha dimostrato di poter svolgere il suo mandato con grandissimo senso di responsabilità, sicurezza, onestà e competenza”. 

Una linea programmatica che segue quanto già espresso dalla fascia tricolore nel corso della presentazione della sua compagine e del quartier generale di Corso Marzio Carafa e che guiderà anche quella che potrà essere l’azione amministrativa di Calabrese che intanto si è soffermato anche sui caratteri e le peculiarità che rendono unica la comunità cerretese. “La mia Cerreto è combattiva – ha chiosato Calabrese – perché, in positivo o in negativo, esprime sempre la sua opinione. Cerreto è una città socievole perché è abitata e vissuta non solo dai suoi cittadini. Cerreto è la Città del presente ed una Città presente perché in ogni posto diverso dal paese c’è sempre un cerretese pronto ad accoglierti”.­­