Tempo di lettura: 2 minuti

Con una lettera indirizzata al sindaco, all’assessore allo sport e alle varie forze dell’ordine, nonchè al Coni e alla Figc, la società sportiva “Valle Telesina”, punto di riferimento del calcio giovanile non solo sannita, ha detto basta alle attività sul campo sportivo di via Lagni, impianto che versa, secondo la società scrivente, in condizioni davvero pessime. 

Materiale di risulta inquinante (già segnalato da tempo agli organi competenti), inagibilità degli spalti, delle torri fari e del locale tecnico delle caldaie, cassette dell’Enel scoperte. E se si considera che il campo è popolato quasi esclusivamente da ragazzi, la cosa lascia ancora più basiti.

Dopo 30 anni di attività dedicata alla promozione dello sport e alla crescita dei bambini la scuola calcio Valle Telesina è costretta a “scappare” dalla propria casa per trovare ospitalità nelle strutture dei comuni limitrofi.

La situazione in cui verte il campo sportivo di via Lagni (spogliatoi, spalti, piazzale antistante, locale caldaia ecc.) al di là degli aspetti tecnici e legali, non può essere più sostenuta ma soprattutto non può essere più considerata idonea ad accogliere quotidianamente centinaia di bambini che hanno la sola “colpa” di voler praticare il gioco del calcio divertendosi e socializzando con i propri coetanei.

La Valle Telesina ha già trovato una doppia sede alternativa: saranno gli impianti di Castelvenere ed Amorosi le nuove dimore dei piccoli campioni del futuro.