Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Mascherine, gel igienizzante, misurazione della temperatura, banchi singoli e distanziati, ingressi e uscite scaglionati e percorsi segnalati nei vari corridoi.
Dopo lunghi mesi di stop, la scuola riparte. Un inizio diverso dal solito, con più regole da rispettare vista l’emergenza sanitaria ancora in atto a causa del Covid-19.
Nel Sannio si va verso un’apertura a macchia di leopardo, in base a quanto stabilito dai singoli Comuni. I primi a mettere piede in aula sono i giovani di Solopaca, Foglianise, Apice, Vitulano e di altri 18 comuni che hanno deciso di ripartire oggi, giovedì 24 settembre, come stabilito dalla Regione Campania.
Era il 4 marzo quando il governo ha deciso, a causa della pandemia, di chiudere tutte le scuole “in via prudenziale” e da allora non hanno più aperto. Oggi, tra mille difficoltà e non poche polemiche, bambini e ragazzi – salvo diversi comuni, compreso il capoluogo che si è riservato di posticipare l’apertura – tornano ufficialmente sui banchi.

A Benevento le scuole di ogni ordine e grado inizieranno le lezioni giovedì 1 ottobre. Lo stesso accadrà a San Giorgio del Sannio, Montesarchio, Telese Terme, Ceppaloni e in altri comuni sanniti che si sono allineati alla decisione dell’amministrazione Mastella. C’è anche chi inizia il 28 settembre come San Nicola Manfredi, Cerreto Sannita, San Nazzaro, San Lorenzo Maggiore, Paolisi, Guardia Sanframondi, San Lorenzello e Calvi. Il Comune di Limatola, invece, guidato dal sindaco Domenico Parisi ha rinviato ancor più l’inizio dell’anno scolastico: la prima campanella suonerà lunedì 5 ottobre.