Tempo di lettura: 4 minuti

Sono entrate in vigore lo scorso primo giugno, fino al giorno 25 saranno valide solo nelle competizioni Fifa, ma nei prossimi mesi ad assorbirle saranno anche i tornei Uefa. Parliamo delle nuove regole del calcio, norme approvate nella 133esima riunione dell’International Board della Fifa. Porteranno qualche cambiamento in merito ai falli di mano, al comportamento del portiere sui calci di rigore, a quello della difesa sulla rimessa dal fondo ma anche alle sostituzioni. Eccole spiegate nel dettaglio:

CAMBIANO LE REGOLE SUI FALLI DI MANO
Il fallo di mano sarà codificato in questi casi: 1) Tocco volontario; 2) Posizione innaturale, anche se involontaria, quando il braccio è in linea con le spalle, o sopra le spalle, o lontano dal corpo. A prescindere dalla distanza tra chi tira e chi colpisce di mano.

FALLO DI MANO E SCIVOLATA
Quando un giocatore va in scivolata e tocca il pallone con mano o braccio: 1) se tocca il pallone con il braccio in appoggio, e questo è attaccato al corpo, non è fallo; 2) se il braccio in appoggio è però lontano dal corpo è fallo; 3) se tocca con l’ altro braccio, e questo è lontano dal corpo, è fallo.

IL GIOCATORE SOSTITUITO DOVRA’ USCIRE DALLA LINEA DI CAMPO PIU’ VICINA
Per eliminare le perdite di tempo, i calciatori oggetto di sostituzione sono tenuti ad uscire dal rettangolo di gioco oltrepassando la linea a loro più vicina dello stesso. Era usanza comune, infatti, allontanarsi il più possibile dalle panchine quando si era in odore di sostituzione e – soprattutto – in vantaggio nel punteggio. 

CARTELLINI PER ALLENATORI E DIRIGENTI 
Da adesso in avanti anche allenatori e dirigenti potranno essere puniti con un cartellino come accade per i giocatori. Fino a questo momento allenatori e dirigenti potevano solo essere allontanati dal terreno di gioco, ora potranno essere ammoniti o espulsi. 

CHI CALCIA UNA PUNIZIONE NON POTRA’ SCHIERARE GIOCATORI IN BARRIERA
Alla squadra in procinto di calciare una punizione non sarà più consentito ‘allungare’ la barriera. Saranno dunque scongiurati tentativi di ostruzione e di disturbo. Si potrà stare davanti, dietro o ai lati della barriera, ma ad almeno un metro di distanza.

 

LA RIMESSA A DUE DELL’ARBITRO NON ESISTERA’ PIU’
D’ora in avanti il direttore di gara scodellerà il pallone direttamente a favore di chi deve giocarlo. All’avversario è posto l’obbligo di stare ad almeno 4 metri di distanza.

TOCCO DECISIVO DELL’ARBITRO? PALLA DA RIGIOCARE
E’ spesso capitato che l’arbitro involontariamente abbia toccato il pallone influenzando l’azione in maniera decisiva. D’ora in avanti se il tocco del direttore di gara provocherà un assist, un gol o una situazione di vantaggio/svantaggio, l’azione sarà fermata e il pallone assegnato a chi lo stava giocando. Se ciò accade in area, la palla andrà sempre al portiere. 

RINVIO DEL PORTIERE E PALLONE IN GIOCO IN AREA
D’ora in avanti il difensore potrà giocare il pallone anche dall’interno dell’area di rigore. Appena il portiere tocca il pallone per passarlo e giocarlo, l’attaccante avversario può entrare in area senza che l’azione sia fermata dall’arbitro. Finora al difensore in difficoltà sul pressing avversario bastava toccare la palla prima che uscisse dall’area dei 16 metri per far fermare l’azione. Ora questo ‘trucchetto’ non potrà essere sfruttato più. 

ANCHE I GOL PER TOCCHI DI MANO INVOLONTARI SARANNO ANNULLATI
Fino a questo momento si trattava di una regola non scritta, ma ora il divieto sarà una norma. Se il pallone entra in rete dopo un tocco di braccio o mano involontario, gol non convaldato. 

RIGORI: IL PORTIERE POTRA’ AVERE UN SOLO PIEDE OLTRE LA LINEA
Modifica regolamentare importante per gli estremi difensori, che non potranno più muoversi oltremodo in occasione dei calci di rigore. Obbligatorio, infatti, che almeno un piede – al momento della battuta – resti sulla linea di porta. In caso di parata l’arbitro potrà far ribattere il penalty. 

CARTELLINI E NORMA DEL VANTAGGIO
Una squadra che subisce un fallo (che è da «ammonizione» o «espulsione» per il rivale) può battere subito il calcio di punizione per disporre del vantaggio. L’ arbitro mostrerà il cartellino solo alla fine dell’azione.

SVIRGOLATA DEL PORTIERE
Se il portiere, giocando il pallone coi piedi su retropassaggio, lo svirgola, può rientrarne in possesso senza che sia più calcio di punizione indiretta.

CALCIO D’INIZIO
La squadra che vince il sorteggio potrà scegliere se giocare il pallone o il campo, mentre in precedenza si poteva soltanto scegliere il campo.

ESULTANZE
Un cartellino giallo ricevuto per un’esultanza scorretta resta anche se il gol viene annullato.