Tempo di lettura: 3 minuti

il presidente de Luca a San marco dei cavoti

Publiée par Anteprima24 Benevento sur Mardi 14 juillet 2020

San Marco dei Cavoti (Bn) – “La Campania riparte“. E’ così che si è concluso l’intervento del Governatore della Campania Vincenzo De Luca nel primo dei suoi appuntamenti odierni nel Sannio. La tappa di inizio è San Marco dei Cavoti, l’occasione è l’apertura del cantiere che permetterà ad Anas la realizzazione di una strada di collegamento che unirà Benevento alla zona adriatica.

E’ importante questa giornata – così ha dichiarato il numero uno della Regione – perchè sappiamo tutti quanto sia fondamentale creare dei collegamenti su strade e su rotaie e cosa possa comportare dal punto di vista del trasporto. E’ un vantaggio. Ma è anche importante perchè si crea lavoro. Le famiglie, i giovani, tutti hanno bisogno di avere una certezza e questo serve sicuramente per affrontare i periodi più complicati”.

Si tratta di un cantiere, un investimento di circa 67 milioni di euro, che è stato avviato il 21 aprile, in pieno lockdown e permetterà di realizzare realizzazione la variante di San Marco dei Cavoti alle statali 212 “della Val Fortore” e 369 “Appulo-Fortorina”. Uno sforzo della Regione e del gruppo Anas. Presenti per il sopralluogo l’Amministratore Delegato di Anas, Massimo Simonini, del Consigliere e Presidente della Commissione IV Comm.ne Trasporti della Regione, Luca Cascone e del Responsabile Territoriale Campania di Anas, Nicola Montesano. Presente anche il sindaco di Benevento Clemente Mastella.

I lavori dell’opera – lunga 2,6 km – consistono nella realizzazione di una strada con unica carreggiata dalla larghezza complessiva di 10,50 metri, con 2 corsie da 3,75 metri e banchine laterali da 1,50 metri. La nuova viabilità è composta da un’alternanza di tratti in rilevato, in trincea e mezzacosta, e prevede la realizzazione di tre importanti opere d’arte: il viadotto sul torrente ‘Tammarecchia’ (210 metri), un secondo viadotto lungo oltre 110 metri ed una galleria naturale di quasi 500 metri. Ad esse si aggiungono numerose opere d’arte di sostegno quali paratie di pali e muri, oltre ad opere di presidio idraulico.

Ma questa è stata anche l’occasione per annunciare altre opere che la Regione ha in mente di portare a termine e riguardano la Telesina con i lavori di svolgere sul viadotto Pantano. L’economia deve ripartire e per farlo deve passare per forza su strade sicure e collegamenti immediati. La sfida della Regione Campania per la valorizzazione delle aree interne parte proprio da San Marco dei Cavoti.

Chiosa finale: “Mettete le mascherine, è importante. Non abbiamo ancora vinto, il coronavirus non è alle spalle, ci cammina di fianco”.