- Pubblicità -
Tempo di lettura: < 1 minuto

Che sarebbe stata una tappa del Giro d’Italia frizzante e ricca di insidie era risaputo. Le tre stelle su cinque nel termometro di difficoltà di frazione ha raggiunto il picco quando il gruppo ha attraversato il comune di Cautano.

Tanti componenti della carovana rosa hanno dovuto fare i salti mortali per uscire indenni dal centro abitato, evitando prima un cane che, volendo evidentemente controllare da vicino il ‘rapporto del cambio’ dei corridori, si è lanciato in strada e ha costretto alcuni ciclisti a rallentare per evitare di metterlo sotto. 

Come in un videogame, superato il primo livello di difficoltà, il gruppo è stato avvolto dai fumogeni rosa accesi dagli spettatori presenti. Tonalità azzeccata, non c’è dubbio, ma assolutamente censurabile l’utilizzo di torce per salutare il passaggio del giro d’Italia.