- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Tour elettorale nel Sannio per il leader della Lega Matteo Salvini a sostegno del candidato per le elezioni europee dell’8 e 9 giugno, Luigi Barone.  Il vicepremier e Ministro alle Infrastrutture è stato accolto da una folta platea tra cui il segretario provinciale Luigi Bocchino, i sindaci di Pago Veiano e Calvi, Mauro De Ieso e Armando Rocco oltre ai consiglieri regionali Severino Nappi e Carmela Rescigno e tanti altri sostenitori sanniti, che nelle ultime settimane stanno aderendo al “carroccio” grazie all’impegno sul territorio profuso da Luigi Barone. 

“Grazie per l’accoglienza che mi dedicate ogni volta che vengo nel Sannio – le prime parole di Matteo Salvini al suo arrivo nel Sannio – stiamo lavorando tantissimo sui territori e allo stesso tempo nelle aule del Parlamento. La scorsa settimana abbiamo adottato un decreto su tema importantissimo, che anche nel Sannio ed anche in Campania è molto sentito. La casa, con una contraddizione forte tra politiche Europee e Italiane, noi abbiamo adottato un provvedimento per sanare tutte le piccole irregolarità nelle case degli italiani, snellendo le procedure attraverso gli uffici comunali.”

Il focus si è poi spostato sui programmi soffermandosi sullo sviluppo della Telesina: “Entro fine anno parte il primo lotto e si va a gara per il secondo, quindi diciamo che in un anno e mezzo non recuperi 20/30 anni di immobilismo, però sia nel Sannio che nelle aree interne in genere, stiamo facendo un buon lavoro. 

Su Mastella e la polemica su Vannacci: “Mastella ce l’ha con il mondo, però il bello della democrazia è che poi scelgono i cittadini ed io penso che Vannacci e anche Barone, visto che siamo nel Sannio, prenderanno tanti voti in più rispetto a Mastella”:

La scelta delle candidature sul territorio, un segnale anche in vista delle prossime Elezioni regionali in Campania: “Diciamo che dopo tanti anni di De Luca e di deluchismo, che poi in termini di fatti non è che abbia portato molto, noi vogliamo essere pronti. Il centrodestra in passato in Campania si è diviso, ha litigato, non sempre ci ha creduto. Penso che le prossime regionali siano una grande occasione di riscatto, per la Campania e per tutto il Mezzogiorno, e la Lega per la prima volta nella storia potrà governare”.