Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – L’Asd La Volpe e l’Airone, da sempre impegnata nel sociale, ha voluto dare il suo contributo per dire di “no” alla violenza sulle donne. E lo ha fatto attraverso la realizzazione di un video che fa riflettere in tutto e per tutto.

Da sempre, attraverso le numerose attività – spiega il Sifu Luciano Cavuotosiamo dediti al sociale occupandoci del corretto sviluppo psicofisico di bambini, adulti (uomini e donne) e anziani. Alcune delle nostre attività, improntate sul tema della difesa personale, ci hanno, negli anni, portato ad interagire con tematiche molto delicate quali bullismo e violenza sulle donne. Il nostro operato è stato ed è tutt’ora volto ad accogliere, ascoltare, capire ed aiutare tutte le persone che purtroppo incorrono in tali problematiche accrescendo in loro sicurezza ed autostima attraverso un percorso accademico pratico-teorico il tutto a stretto contatto professionisti del settore (psicologi/psicoterapeuti). Numerosi sono stati negli anni i nostri progetti posti in essere in istituti scolastici e non per sensibilizzare i giovani su queste due importantissimi tematiche. Questa volta ho scelto i bambini per la realizzazione di questo video contro la violenza sulle donne. Credo sia di fondamentale importanza sensibilizzarli sin da piccoli su tematiche cosi importanti. Spesso durante le mie lezioni con i bambini ed in particolar modo nei lavori a squadre mi vengono proposte suddivisioni per sesso (maschi contro femmine). Credo fermamente che sia importante indirizzare i bambini verso un’idea di unificazione sin dall’inizio cercando di affievolire questo desiderio di competizione con il sesso opposto. Ecco perché La figura di noi Maestri, insegnanti, educatori ed istruttori ricopre un ruolo fondamentale in questo. Spero che le attività proposte nella mia accademia possano davvero essere di aiuto a donne in difficoltà, fornendo loro autostima, sicurezza, tecniche strategiche di difesa personale e soprattutto il coraggio per denunciare le violenze subite in ambito familiare e non. Ricordo a tutti che all’interno della nostra associazione è presente anche uno sportello di ascolto contro il bullismo e la violenza sulle donne”.