Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Puntare sulla creatività femminile nel nome di Elda Rubbo, figura prestigiosa dell’artigianato di tradizione sannita. Si è chiusa con questo auspicio la manifestazione “Women in business”, promossa dalla docente dell’Unisannio e Assessore alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Benevento Rossella Del Prete. La famosa produzione dei tessuti di Pontelandolfo, che ha avuto in Elda Rubbo una delle massime interpreti fino alla scomparsa, sarà al centro,  insieme alla stessa Rubbo, di un premio nazionale che sarà indetto a partire dal prossimo anno e che andrà assegnato alle donne che si impegnano nelle professioni e nell’imprenditoria.

È questo l’impegno più significativo che ha concluso la tre giorni di studi e dibattiti di Women in Business, l’iniziativa dedicata alla economia al femminile, cioè all’apporto che le donne danno al mondo della produzione. La Del Prete – che ha dedicato buona parte dei suoi studi proprio al contributo che le donne hanno dato al mondo produttivo nel Sannio – ha individuato dunque nell’artigianato della cittadina del Tammaro la rappresentante più degna alla quale intitolare il premio.

Per qualificare il contributo delle donne all’economia locale, secondo il forum “Women in business”, occorre dunque lavorare sul merito e sulla competenza. Per sconfiggere la subalternità della donna nel mondo del lavoro e portare la parità effettiva tra i sessi, bisogna dunque puntare sui servizi della società che sappiano impostare le condizioni per una effettiva parità. 

“Occorre puntare sugli asili nido e sui servizi di assistenza agli anziani”, ha sottolineato l’imprenditrice Cinzia Dato: “La donna deve essere una figura cardine nell’educazione, nella crescita e nel futuro della società”.