Tempo di lettura: 3 minuti

Caserta – Un successo calcolato in termini di presenze quello registrato oggi pomeriggio dalla terza edizione del “Reggia Challenge Cup” che ha portato il canottaggio nella via d’acqua della Reggia di Caserta. Un ​rettilineo lungo 483 metri quello della fontana dei Delfini che oggi pomeriggio ha ospitato l’epica ed eterna sfida tra i club di Oxford e Cambridge, i più prestigiosi al mondo. Un successo esaltante e carico di valori etici perché rivolto ai giovani, e che premia l’ideatore e organizzatore dell’evento Davide Tizzano, due volte medaglia d’oro alle Olimpiadi, di Seul nell’88 e di Atlanta nel ’96.

Un sogno realizzato, nato dal nulla,- ha detto Tizzano quello che oggi ha illuminato una giornata in cui hanno creduto in tanti, amici, campioni dello sport, Università, Ministeri e Istituzioni. Un successo che mi farà pensare ancora più in grande per la prossima edizione, con  più equipaggi,  un livello  internazionale più alto, e sempre i club inglesi Oxford e Cambridge.

Tantissime le famiglie sedute lungo il percorso di gara, e i turisti stranieri pronti ad immortalare le suggestioni dell’insolita giornata al monumento vanvitelliano.

“La Reggia è un grande museo popolare – ha commentato il direttore della Reggia Mauro Felicoriche vuole essere divertente, per le famiglie. E oggi, proprio come si fa in famiglia, si festeggia tutti insieme il finanziamento di 7 milioni di euro erogati dal MIBACT proprio per il Parco della Reggia che attende interventi da 20 anni. Finanziamento che si va ad aggiungere a quelli già ottenuti dal Palazzo della Reggia e che a breve avvieranno i cantieri”.

Tra gli ospiti d’onore anche il campione olimpico del pugilato Patrizio Oliva e Giuseppe Abbagnale, oro olimpico e oggi presidente della Federazione Italiana Canottaggio.

“Momenti spettacolari come questi – ha sottolineato Abbagnale – sono indispensabili per promuovere uno sport affascinante come il canottaggio. Sport natura e cultura, un connubio perfetto per un appuntamento dall’alto valore che prescinde l’aspetto agonistico”.

A commentare i momenti di gara il giornalista Giampiero Galeazzi, voce inscindibilmente legata alla storica vittoria degli Abbagnale alle Olimpiadi di Seul dell’88. L’evento, promosso dall’Associazione Club del Remo Lago di Patria con il patrocinio morale della Federazione di Canottaggio, e della Federazione Italiana Canoa Kayak ha potuto contare su partner autorevoli​, come la Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, cui è stato intitolato uno dei Trofei consegnati ai vincitori.

Nell’eterna sfida inglese tra i due “otto” più famosi del mondo, oggi alla Reggia di Caserta è stato il Cambridge ad avere la meglio sull’Oxford. Ai vincitori anche la targa dedicata al compianto giornalista napoletano Gennaro Maisto detto Gegè. E sono state numerose le gare tenute nel pomeriggio; nella finale Under 40 il Circolo Italia ha vinto sul Circolo Roma; per l’Over 40 maschile il circolo Aniene ha vinto sul circolo Lazio, per le donne Lazio ha vinto su Armida. Nella competizione riservata alle regioni, la Lombardia si è piazzata al primo posto davanti alla Sicilia e a Campania Felix. Molto significativa la presenza degli equipaggi paraolimpici e studenteschi, con quasi 1200 ragazzi che hanno frequentato corsi di addestramento a bordo dei Dragon Boat.