Casertana, Ginestra: “Il primo tempo avremmo meritato di chiuderlo 0 a 3, male il secondo”

In conferenza ha parlato anche Zito: "La partita andava chiusa prima"

Tempo di lettura: 2 minuti

Potenza – Inizia in maniera polemica la conferenza stampa di Ginestra dopo la gara della sua Casertana sul campo del Picerno. Le affermazioni post Rieti non gli sono piaciute, qualcuno ha sorriso dopo i sei gol rifilati ai laziali, ma il pareggio ottenuto da quest’ultima fa capire al mister che questo campionato è difficile.

Benvenuti in Lega Pro. Quando la Casertana batte il Rieti, si dice che è scarso ma non è così. Oggi abbiamo giocato molto bene nel primo tempo, meglio loro nel secondo e alla fine hanno meritato il pareggio. Certo se giochi come abbiamo fatto nei secondi 45′ si perde pure contro una squadra di Promozione, non abbiamo fatto praticamente niente, ci siamo abbassati troppo e abbiamo evitato di giocare. Ma, allo stesso tempo, devo anche dire che se il primo tempo fosse finito 3 a 0 per noi, non ci sarebbe stato nulla da dire. Muoviamo la classifica e siamo contenti. Ora sotto col Bisceglie”.

Ancora chilometri macinati per Antonio Zito. L’esterno ha analizzato così il pari col Picerno: “Ci sono anche gli avversari in campo. Non si può comandare per tutti i 90’. Partite come questa sono senza dubbio un momento di crescita. Il Picerno aveva sette punti come noi, è una buona squadra. Abbiamo concesso qualcosina nella ripresa. Ma siamo una squadra con molti giovani che devono crescere. Bisogna capire che partite come questa vanno portate a casa. Non sempre capita di andare in vantaggio fuori casa. Per questo bisogna essere più concreti. Ripeto, questa squadra deve crescere in fretta. Chiaramente non si cambia dall’oggi al domani. Bisogna guardare avanti con ottimismo e permettere ai più giovani di crescere. Non guardiamo la classifica. Pensiamo che la Casertana sta facendo un buon lavoro sin dal ritiro. Adesso bisogna lavorare sulle lacune per evitare di commettere gli stessi errori. Certe cose vanno messe in preventivo”.