Tempo di lettura: 3 minuti

Macerata Campania (Ce) – Un piccolo focolaio di Covid è scoppiato nella caserma dei carabinieri a Macerata Campania (Caserta); contagiato il comandante, che è stato ricoverato all’ospedale Cotugno di Napoli, e altri militari, ma sono state inviate le unità di rinforzo e la stazione, prontamente sanificata, sta funzionando regolarmente. Tutti i carabinieri risultati positivi avevano ricevuto pochi giorni fa la somministrazione del vaccino anti-Covid. Il comune di 10mila abitanti è tra i più colpiti dal Coronavirus in questa terza ondata, con 150 positivi attuali; in pratica risulta contagiato oltre l’1% dei residenti. Nel resto del Casertano la situazione resta preoccupante, con numerosi comuni che hanno decine o centinaia di positivi; sono 612 i positivi nel capoluogo Caserta, 523 a Maddaloni 523 mentre a Marcianise, comune già zona rossa durante la seconda ondata, sono 488; qui il sindaco Antonello Velardi ha usato il pugno duro, disponendo con ordinanza valida dal 24 marzo al 5 aprile, che bar, pasticcerie e tabacchi chiudano alle 14 dal lunedì al venerdì, con chiusura totale nei giorni di sabato e domenica, consentendo la presenza in ogni singolo esercizio commerciale aperto al pubblico al massimo di cinque persone (dieci per la grande distribuzione); per i supermercati e gli esercizi per la vendita di beni di prima necessità, è stata disposta l’apertura dal lunedì al venerdì fino alle ore 18 e nel giorno di sabato fino alle 17, con chiusura totale di domenica. Velardi ha ricevuto critiche e minacce via facebook per tale decisione, ricevendo la solidarietà dei colleghi sindaci, tra cui il primo cittadino di Aversa Alfonso Golia, secondo cui “il dissenso nei confronti dell’attività amministrativa è sacrosanto, ma quando si augura ad un primo cittadino di esser fatto fuori tutti, al di là delle appartenenze politiche, bisogna fermarsi a riflettere e rifiutare questa dialettica ben lontana dal confronto democratico”. Nel Casertano, su 104 comuni, sono solo otto quelli attualmente “covid free”, con zero casi, e sono tutti ubicati nell’area matesina. Ad oggi, secondo quanto certifica il report giornaliero dell’Asl di Caserta, sono 7288 i positivi attuali in provincia, 35 in più di ieri; un aumento dovuto alla differenza tra i nuovi casi giornalieri, 331, e i guariti, che sono 291. Resta alto l’indice di positività, del 13,5% (2445 i tamponi effettuati), così come cresce anche il conto delle vittime – cinque quelle registrate nelle ultime 24 ore – per un totale di 908 persone decedute causa Coronavirus da inizio pandemia.