- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Si è svolta questa mattina a Caserta, davanti al monumento ai caduti in via Unità d’Italia, la tradizionale cerimonia commemorativa per celebrare il 78° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana. Il prefetto di Caserta Giuseppe Castaldo e il sindaco di Caserta Carlo Marino, con la partecipazione di tutte le autorità civili, militari e religiose, hanno reso omaggio ai caduti deponendo una corona di alloro. Presente una nutrita rappresentanza di studenti del Liceo “Giannone” di Caserta, con il consueto “bandierone” tricolore schierato su Corso Trieste, dei Licei “Manzoni” e “Diaz”, dell’Istituto Professionale “Mattei” e dell’Istituto Commerciale “Terra di Lavoro” di Caserta, del Liceo Scientifico “Pizzi” di Capua, del Liceo Statale “Quercia” di Marcianise e del Liceo Statale “Segre” di San Cipriano d’Aversa. Il Prefetto Castaldo, dopo letto il messaggio del Presidente della Repubblica, e ha poi ha consegnato la medaglia d’oro al Sergente Maggiore Capo dell’Esercito Italiano Luca Patrizio, riconosciuto “vittima del terrorismo” per un attentato subito a Nassiriya, e delle onorificenze al “Merito della Repubblica Italiana” conferite dal Presidente della Repubblica a cittadini della provincia di Caserta. Particolarmente emozionante è stato l’intervento dei giovani Maria Zagaria, Giovanni Scialdone e Emanuela Tessitore, premiati dal Capo dello Stato come “Alfieri della Repubblica” per essersi distinti grazie alla loro attività in favore del mondo della cultura, della comunità scolastica e nel salvataggio di vite umane, che hanno raccontato al pubblico la propria esperienza, portando ai coetanei un messaggio di impegno civile e solidarietà nei confronti del prossimo. La cerimonia è proseguita in Piazza Vanvitelli, dove si sono esibiti l’orchestra e il coro del Liceo classico e musicale “Domenico Cirillo” di Aversa, eseguendo alcuni brani in presenza delle autorità e della cittadinanza. I Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Caserta hanno steso il tricolore sulla facciata del palazzo della Prefettura. Il Prefetto, nel ringraziare le autorità e i cittadini presenti, ha espresso grande apprezzamento “agli Alfieri della Repubblica e a tutti i giovani presenti, che costituiscono la speranza per il futuro del nostro Paese”, invitandoli “a seguire modelli positivi ispirati ai valori fondanti della Costituzione, che celebriamo nel giorno della Festa della Repubblica”.