Tempo di lettura: < 1 minuto

Mondragone (Ce) – Con il focolaio “spento”, torna ad essere “Covid free”, dalla mezzanotte, tutta l’area dei cinque palazzi ex Cirio, con centinaia di lavoratori agricoli che potranno tornare a lavorare. Dopo due settimane di lockdown, la situazione si è stabilizzata, nel complesso residenziale, sui 43 casi di positività, perlopiù cittadini bulgari, molti dei quali braccianti agricoli; proprio quest’ultimi avrebbero contagiato anche le altre 60 persone, tra cui molti lavoratori agricoli, risultate positive fuori dalla mini zona rossa. In totale sono 103 i contagi collegati al focolaio dei palazzi Ex Cirio, 91 dei quali relativi a persone residenti a Mondragone (43 nei palazzi ex Cirio, 48 fuori), quattro a Sessa Aurunca, due a Carinola, a Rocca d’Evandro (uno) e Recale (uno), e quattro a Falciano del Massico, comune in cui è ubicata un’azienda agricola dove si sono verificati 27 casi, sempre ovviamente collegati al cluster mondragonese. Nessuno dei contagiati presenta sintomi. Nella provincia sono complessivamente 107 gli attualmente positivi.