Tempo di lettura: 3 minuti

Caserta – Dopo due pareggi consecutivi con Fasano e Altamura la Casertana proverà a fare il colpaccio a Bisceglie nel turno infrasettimanale di domani. L’allenatore Vincenzo Maiuri ha presentato il match dicendosi moderatamente soddisfatto da quanto visto nelle ultime uscite. Le sue dichiarazioni in conferenza stampa: 

Crescita – “La squadra ha ripreso bene ad allenarsi dopo la gara con l’Altamura e ora siamo pronti ad affrontare il Bisceglie. Sarà una gara difficile, con tanti lati spinosi, ma ho visto una squadra positiva nell’atteggiamento e nella mentalità. Non sono contento ovviamente, perché abbiamo fatto due pareggi consecutivi. A volte non lo sono nemmeno quando vinco. Sono moderatamente soddisfatto di quanto abbiamo fatto finora perché la squadra ha denotato una crescita”.

Inizio di campionato –Analizzando le tre partite possiamo dire che siamo cresciuti sotto l’aspetto atletico e sul piano tattico. Possiamo migliorare nella fase di non possesso ma compatibilmente col tempo di lavoro posso essere contento della fase difensiva, perché abbiamo subito poco in tre partite. Nelle ripartenze dobbiamo migliorare, ma con palla in nostro possesso ho visto ottime situazioni, soprattutto nelle gare con Nola e Altamura. A Fasano sia noi che loro siamo stati penalizzati dal campo. Si inizia a vedere una conoscenza reciproca e questo mi fa piacere, lo noto anche nel recupero palla. Tutti erano nelle posizioni giuste con l’Altamura e questo si è visto anche nell’atteggiamento“. 

Obiettivi – “C’è un mondo da migliorare, ma credo che questo deve essere fatto step by step come avviene per tutte le squadre. Io sono un eterno insoddisfatto di me stesso, e devo dire che stranamente mi sento felice di quanto visto finora, del modo in cui i ragazzi hanno appreso delle nozioni”.

Bisceglie –La partita di domani nasconde molte insidie perché incontriamo innanzitutto una squadra quadrata, di categoria, che avrà voglia di riscattarsi dopo una sconfitta. Per cui ci sarà da battagliare parecchio su un campo in condizioni discrete, almeno da quello che sappiamo. Siamo pronti ad adattarci alla partita che verrà fuori, perché adattarsi è importante sempre. Non credo che la gara sarà messa sulla battaglia conoscendo il Bisceglie, sarà una partita di calcio nella quale dovremo sia tirar fuori le nostre armi che stare attenti a limitare loro evitando di fare regali come accaduto di recente. Le resistenze di concentrazione comunque si trovano lavorando, più lavori e più ti abitui ad esserlo con continuità.  E’ l’allenamento a portarti a stare sempre sul pezzo, la partita deve essere lo specchio della preparazione. E’ quella che fa la differenza“.