Tempo di lettura: < 1 minuto
Caserta – “Abbiamo vinto. Ha vinto Caserta e i casertani. Ha vinto la continuità amministrativa e il meridionalismo. Caserta non si lega ed è pronta a ritornare protagonista in Campania e nel Sud Italia”. Sono le prime parole da sindaco di Caserta Carlo Marino, riconfermato alla carica dopo la prima elezione del 2016; Marino è stato accolto al comitato elettorale di via GM Bosco dai suoi sostenitori, che hanno urlato “Marino Marino”, facendo esplodere anche fuochi d’artificio. Tra i presenti esponenti del Pd come Stefano Graziano e di Italia Viva come Nicola Caputo, il consigliere regionale Giovanni Zannini. “Grazie a tutti per il supporto e un abbraccio forte alla mia famiglia, ai candidati tutti, alle amiche, agli amici e al mio staff, siete stati tutti preziosissimi. Adesso continuiamo quest’avventura verso la strada maestra” ha concluso. Quasi concluso lo scrutinio: con 80 sezioni su 91 (24815 voti su 29226), Marino ha un vantaggio sullo sfidante Gianpiero Zinzi, candidato di Lega e centrodestra, di quasi duemila preferenze (13263 contro 11552 di Zinzi), ormai incolmabile.