Tempo di lettura: < 1 minuto

La Ugl Caserta esprime tutto il suo sconcerto per quanto accaduto questa mattina nella zona Asi di Carinaro dove un operaio 54enne, C.B. di Napoli, dipendente della ditta “Buoncompagni trasporti”, è morto dopo essere rimasto incastrato tra il portellone posteriore del mezzo e la pedana idraulica mobile, decedendo sul colpo. L’Autorità Giudiziaria, subito informata dell’accaduto, ha disposto l’autopsia. Il corpo è stato trasportato all’istituto di medicina legale.

“La nostra organizzazione – si legge nel comunicato diramato dal Segretario Territoriale Ferdinando Palumbo – è particolarmente sensibile ai temi della sicurezza del lavoro, per questo definiamo inaccettabile qualsivoglia sciagura che coinvolga inermi lavoratori. Per il sindacalista risulta determinante sviluppare la cultura della sicurezza attraverso una corretta formazione da impartire ai dipendenti ed intensificare i controlli soprattutto dove esistono elevati rischi di sinistri. Alla famiglia dell’operaio vanno le nostre più sentite condoglianze e nel contempo proclamiamo un giorno di lutto per tutta la nostra organizzazione“.