Tempo di lettura: 2 minuti

Avevano creato una  piazza di spaccio a San Potito Sannitico, comune dell’Alto-Casertano lontano dalle “zone calde” a cavallo tra le province di Napoli e Caserta, con vendita a domicilio e sistema di videosorveglianza per evitare i blitz delle forze dell’ordine.

In manette sono così finite cinque persone – destinatarie di custodia cautelare in carcere – nell’ambito di un’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Napoli per associazione a delinquere finalizzata  allo spaccio di sostanze  stupefacenti. Le indagini sono state realizzate dai carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese.

Promotori del business illecito – è emerso – una coppia di coniugi, Valerio Cappello di 46 anni e Silveria Luciani di 42, e il figlio 25enne Giovanni, che avevano trasformato la propria abitazione in un punto vendita di cocaina, eroina, hashish; ma lo spaccio avveniva anche all’esterno, tramite una rete di corrieri e pusher controllati dal 42enne Marco Ricigliano, anch’egli finito in carcere e ritenuto il fornitore di fiducia della coppia.

La coppia aveva un’attività commerciale di vendita itinerante di alimenti, e sfruttava questo lavoro legale per vendere droga durante gli spostamenti. La vendita era preceduta da un contatto telefonico con linguaggio convenzionale e cifrato, quasi mai esplicito,  per concordare gli incontri e le cessioni che si verificavano in maniera discreta e veloce in luoghi abitudinari dei comuni di San Potito Sannitico, Piedimonte Matese, Gioia Sannitica, Sant’Angelo di Alife, Alvignano e Dragoni. Le indagini hanno rivelato che il gruppo aveva sempre tanta droga a disposizione. In carcere è finito anche il 32enne corriere Salvatore Caravella.