Tempo di lettura: 2 minuti

Caserta – La giornata odierna fa registrare una nuova impennata dei contagi in Terra di Lavoro. I dati dell’Asl, comprensivi di deceduti e guariti, riportano 197 casi positivi al Covid-19. Non ce l’ha fatta il 70enne di Teano che era ricoverato nella terapia intensiva dell’ospedale di Maddaloni da diversi giorni. Negativi i tamponi eseguiti sui familiari, tranne uno di cui si attende l’esito. Il sindaco Dino D’Andrea ha annunciato che proclamerà il lutto cittadino.
Sempre nella giornata odierna, un altro paziente è venuto a mancare all’affetto dei propri casi. Si tratta di un cittadino di San Cipriano d’Aversa che prima di contrarre il Coronavirus era ricoverato presso una struttura sanitaria di Castel Morrone e che non aveva più contatti con i familiari dai primi di marzo. In seguito all’aggravarsi delle sue condizioni era stato trasferito presso il nosocomio adibito a Covid-19 a Maddaloni.
Il sindaco di Caserta, Carlo Marino, ha comunicato il quindicesimo caso di positività nella città capoluogo. Non sono stati resi ulteriori dettagli.
Primo caso a Sessa Aurunca dove è risultato positivo al tampone un carabiniere di 24 anni originario della frazione Carano e in servizio a Torino. Il sindaco Silvio Sasso ha rassicurato la cittadinanza spiegando che il giovane era già in isolamento da quando, dodici giorni fa, è rientrato in paese.
A Sant’Arpino è il primo cittadino, Giuseppe Dell’Aversana, ad annunciare altri due casi. Si tratta di un familiare una persona già risultata positiva posta in quarantena da sette giorni. Le condizioni dei coniugi sono al momento buone e costantemente sotto controllo. L’altro caso, il quinto per Sant’Arpino, è una persona anziana che, considerata l’età, è stata ricoverata presso l’ospedale di Maddaloni. I familiari hanno eseguito il tampone e sono in attesa dell’esito.
Proprio a Maddaloni si registra il nono caso di contagio. Si tratta di un 15enne, parente di un paziente già risultato positivo al Covid-19, che è in isolamento da quindici giorni. Lo comunica il sindaco Andrea De Filippo che spiega come i casi nella città calatina non siano dieci, come comunicato dall’Asl per un mero errore di ripetizione di un cognome, bensì nove.
Quattordicesimo contagiato ad Aversa (si tratta di un finanziere rientrato dal Nord) e primo caso a Grazzanise (uomo di 60 anni) dove è stato disposto il tampone per il coniuge.
Clicca qui per l’elenco completo dei casi in tutti i comuni della provincia di Caserta