Tempo di lettura: 2 minuti

Casal di Principe (Caserta) – Si sarebbero resi responsabili nel gennaio scorso, nei centri di Casal di Principe e San Cipriano d’Aversa (Caserta), di un furto e almeno quattro rapine, di cui due ad uno stesso supermercato, Salvatore Santoro di 34 anni e Nicola Oliva di 36 anni, arrestati dai carabinieri su ordine del Gip del Tribunale di Napoli Nord. Le indagini sono state coordinate dalla Procura diretta da Francesco Greco. L’inchiesta è partita dalla rapina avvenuta il 21 gennaio scorso al supermercato Di Tella di Casal di Principe, quando i due riuscirono a rapinare alcune centinaia di euro fuggendo poi in auto. Una prima svolta si ebbe a giugno, quando i militari della locale Compagnia diretti da Simone Calabrò, analizzando le immagini delle telecamere di sorveglianza e incrociandole con le testimonianze di dipendenti e clienti del negozio, riuscirono ad individuare e arrestare il 36enne Oliva.

Dopo ulteriori accertamenti, è stato poi individuato anche Santoro; gli inquirenti sono però andati oltre, riuscendo ad attribuire ai due malviventi anche altri colpi. Tra questi vi sarebbe il primo raid compiuto a Casal di Principe contro il supermercato Di Tella, quello del 5 gennaio, quando Oliva e Santoro, armati di pistola e con i volti travisati, portarono via quasi 4mila euro; l’11 gennaio colpirono di nuovo a Casal di Principe, al distributore di carburanti, portando via 400 euro; due giorni dopo fu la volta del Conad di San Cipriano d’Aversa, dove i malviventi riuscirono a farsi consegnare dai cassieri 760 euro. Il 21 gennaio colpirono nuovamente il supermercato Di Tella. I due sono indagati anche per il furto delle targhe montate sull’auto usata per commettere i colpi.