- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Organizzata dal Consorzio Generale di Bonifica del Bacino Inferiore del Volturno, è partita a Sessa Aurunca (Caserta) la Settimana della Bonifica e dell’Irrigazione 2024, con alunni della scuola media locale e di Cellole (Istituti Comprensivi “Caio Lucilio”, classi V A e V B del Plesso Maina, e “Serao-Fermi”, classe I provenienti) che hanno visitato l’impianto idrovoro di “Macchine Vecchie”.
L’idrovora assolve alla funzione di mantenere le acque allo zero di bonifica, in modo da mantenere l’area, sottoposta al livello del mare, di rimanere asciutta, consentendo la vita, l’irrigazione dei campi e quindi il normale svolgimento dell’attività delle aziende agricole dell’area, fortemente vocate all’orticoltura, frutticoltura e alla produzione di essenze foraggere.
È così riecheggiato con forza il tema scelto dall’Anbi (Associazione Nazionale Consorzi di gestione e tutela del territorio e acque irrigue) per la settimana della bonifica 20204: “L’Acqua ci nutre e dà la vita”. I ragazzi, guidati dal direttore del Consorzio Camillo Mastracchio e dalla responsabile dell’Ufficio legale Lucia Pignata, dopo la presentazione di un video e la spiegazione del funzionamento dell’impianto, hanno assistito ad un esperimento durante il quale è stato spiegato quanto i fenomeni di dissesto idrogeologico siano legati al grado di impermeabilizzazione del territorio. I ragazzi hanno partecipato all’esperimento consistente nel far passare l’acqua in terreni di diversa natura, ovvero sabbia, ghiaia e argilla.
L’argilla, al pari dell’asfalto, restituisce ai canali la maggior parte della pioggia precipitata e dunque i ragazzi hanno appreso che è necessario mantenere l’equilibrio tra le superfici impermeabili dei centri urbani e la capacità ricettiva dei canali di bonifica.
Grande partecipazione ed entusiasmo da parte degli studenti ai quali sono stati offerti zainetti e t-shirt con il logo della settimana della bonifica.
Domani altro appuntamento (ore 10), alla Traversa di Ponte Annibale sul fiume Volturno, con visita guidata dello sbarramento fluviale e delle derivazioni irrigue.