Tempo di lettura: 3 minuti

Caserta – Prima il doppio vantaggio, poi la risposta della Sicula Leonzio. Finisce 2-2 a Lentini. I falchi passano in vantaggio con un’autorete di Bariti e raddoppiano con un rigore trasformato da Castaldo. Ma la distanza viene subito ridotta dai padroni di casa con un jolly di Provenzano dalla distanza. Nella ripresa il pari della Sicula con Lescano dagli undici metri.
PRIMO TEMPO – Gioco molto spezzettato in avvio. La Casertana prova a far girare palla a modo suo. Tascone rompe il ghiaccio sparando alto su un passaggio in piena area di Starita. Dall’altra parte Lescano riesce soltanto a sfiorare un cross invitante dalla destra. Al 21’ Casertana in vantaggio grazie all’autore di Bariti che, nel tentativo di anticipare tutti, la devia di testa lle spalle di Adamonis. Al 27’ è addirittura 2-0 per un rigore concesso per fallo su D’Angelo e trasformato con freddezza da Castaldo. Ma i siciliani ritornano subito in partita con un tiro dal volo dal limite di Provenzano. I bianconeri prendono coraggio ed alzano il proprio baricentro. Prima del riposo Scardina riesce a svettare in area, ma il suo colpo di testa termina di poco a lato.
SECONDO TEMPO – Tascone ci prova subito dal limite su appoggio di Starita, ma Adamonis fa buona guardia. Al 15’ brividi per la Casertana. Petta scivola in area, Provenzano è tutto solo e calcia a botta sicura. Crispino si oppone con un intervento prodigioso; il tap-in di Lescano, poi, termina fuori. Al 34’ la Sicula trova il pari con un rigore trasformato da Lescano. La Casertana prova a reagire e si vede annullare un gol di Petta per tocco di mano a pochi passi dalla linea di porta.
SICULA LEONZIO-CASERTANA 2-2
SICULA LEONZIO: Adamonis, Ferrara (29’ st Sabatino), Bachini, Sosa, Parisi (15’ st Palerno), Bariti, Bucolo, Provenzano, Grillo (29’ st Sicurella), Lescano, Scardina (10’ st Catania). A disp.: Fasan, Ferrini, Tafa, Reale, Vitale, Terranova, Gorvernali. All. Grieco
CASERTANA: Crispino, Petta, Silva, Caldore, Longo (24’ st Corado), D’Angelo, Santoro, Tascone (16’ st Laaribi), Zito (25’ pt Zivkov) (16’ st Paparusso), Starita (24’ st Adamo), Castaldo. A disp.: Cerofolini, Galluzzo, Ciriello, Matese, Adamo, Clemente, Varesanovic, Origlia. All. Ginestra
ARBITRO: Paterna di Teramo
RETI: 21’ pt aut. Bariti, 27’ pt rig. Castaldo, 30’ pt Provenzano. 34′ st rig. Lescano
NOTE: Ammoniti: Santoro (C), Tascone (C), Palermo (SL), Petta (C).
Questa l’analisi di mister Ginestra nel post partita di Lentini: “Potevamo vincerla. Abbiamo fatto degli errori individuali, in particolare in occasione del rigore. In più le immagini confermano che il tocco di braccio è avvenuto fuori area. Purtroppo gli episodi continuano ad andarci contro. Sul 2-0 abbiamo preso un gol con un tiro svirgolato da Provenzano che è andato a finire sotto l’incrocio. In questo momento non dovremmo sbagliare proprio nulla per poter portare a casa i tre punti. Non riusciamo a vincere anche perché la buona sorte non ci dà un mano. Sul 2-0 loro hanno avuto una buona reazione, ma una squadra che in trasferta è in vantaggio di due gol deve fare di più sicuramente per portarla a casa. Soddisfatto del punto? Certo che no. Perché in questo girone di ritorno non abbiamo ancora vinto e perché eravamo venuti qui per vincere e l’abbiamo giocata sin dall’inizio per farlo. I ragazzi hanno fatto una buona partita. Siamo ripartiti bene, abbiamo fatto due gol e ne potevamo fare altri. In questo momento gli episodi sono tutti negativi. E per questo dobbiamo cercare di non far arrivare i nostri avversari neppure al limite dell’area, perché appena entrano ci fanno gol. Indubbiamente oggi abbiamo sofferto solo su qualche cross“.