Tempo di lettura: 2 minuti

Caserta – Nasce ufficialmente, con l’approvazione dello statuto nel Consiglio comunale di Caserta, la Fondazione Real Sito del Belvedere di San Leucio; il sito borbonico è patrimonio dell’Unesco insieme alla Reggia di Caserta e all’Acquedotto Carolino. “Un vero e proprio momento di rinascita e ripartenza per il nostro meraviglioso sito Unesco – commenta il sindaco Carlo Marinoche ci consentirà di rendere il Belvedere decisamente più competitivo, sia in termini di efficienza che di qualità dell’attrattività turistica, con ricadute economiche e commerciali importanti per la frazione di San Leucio e per tutta la città. Sono certo – prosegue – che la Fondazione rappresenterà presto un modello virtuoso per la valorizzazione del nostro sito borbonico sul quale abbiamo puntato con decisione anche con finanziamenti europei che ne consentiranno una completa riqualificazione: la rifunzionalizzazione delle ex Stalle Reali, con un intervento di recupero che prevede la realizzazione di un centro culturale per esposizioni e degustazioni di prima accoglienza per il turista; il risanamento del terrazzo prospiciente il Bagno di Maria Carolina; la riqualificazione del percorso di collegamento Reggia di Caserta – San Leucio”. Sono inoltre previsti lavori per l’efficientamento energetico di tutta la struttura e quelli relativi alla sistemazione degli impianti tecnologici e multimediali. “L’approvazione dello Statuto della Fondazione – aggiunge il sindaco – rappresenta il completamento di un iter complesso avviato dal’ex assessora Tiziana Petrillo sul quale c’è stato un grande lavoro di squadra, e al quale hanno partecipato tutti i gruppi consiliari di maggioranza. Tutte le indicazioni ed i suggerimenti sono stati recepiti al fine di rendere questo strumento il più efficiente e trasparente possibile” conclude Marino.