Tempo di lettura: 2 minuti

In mattinata si sono registrate tensioni nei pressi del binario 17 della stazione ferroviaria di Napoli centrale dove una ventina di disoccupati e militanti dei centri sociali hanno tentato di avvicinarsi al treno che avrebbe condotto giornalisti e personalità ad Afragola. Le forze dell’ordine hanno bloccato i manifestanti prima che potessero arrivare sui binari. La stazione dell’Alta velocità ferroviaria è stata inaugurata dal presidente del consiglio dei ministri, Paolo Gentiloni, alla presenza del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio. L’area progettata dall’archistar Zaha Hadid, scomparsa nell’aprile 2016, sarà operativa commercialmente nella sua prima fase da domenica 11 giugno e accoglierà ogni giorno 36 treni alta velocità.

“Con questa inaugurazione diamo il messaggio di un Paese che rialza la testa. Un grande Paese ha bisogno di grandi opere ed è orgoglioso delle sue grandi opere quando nascono e vengono inaugurate”, ha detto Gentiloni, sottolineando: “Non possiamo essere l’unico tra i grandi Paesi che non considera un gesto architettonico e un’opera del genere come una conquista, un passo avanti, qualcosa che lascerà il segno. A chi dice che è un’opera troppo grande: si usa spesso l’aggettivo ‘faraonica’, ma faraonico significa lasciare il segno come fanno le grandi civiltà. L’Italia deve avere l’orgoglio di lasciare questo segno”.