Tempo di lettura: 2 minuti

Sono stati sottoscritti due accordi quadro per l’esecuzione di interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza di due gruppi di strade gestiti della Città Metropolitana di Napoli aventi ad oggetto in particolare la riqualificazione delle barriere stradali e la sistemazione delle intersezioni e dei manufatti afferenti, come sottolinea un comunicato.

Il primo accordo riguarda due assi a scorrimento veloce, la S.P. 1 “Circumvallazione Esterna di Napoli” e la S.P. 500 “Perimetrale di Melito”, coinvolgendo i comuni di Napoli, Giugliano in Campania, Qualiano, Mugnano, Melito, Casandrino, Arzano, Casavatore, Casoria e Volla.
Il secondo invece riguarda le strade ricadenti nei Comuni di Acerra, Afragola, Brusciano, Caivano,Casoria, Castello di Cisterna, Mariglianella, Marigliano e Pomigliano d’Arco.

Lungo il loro sviluppo, rileva la nota, “sono poste barriere da adeguare o da sostituire, in quanto, incidentate e alcune intersezioni da sistemare. Le strade costituiscono la rete secondaria dei collegamenti da e per i centri abitati con gli assi stradali di grande comunicazione come autostrade ed extraurbane principali e secondarie, oltre a garantire i collegamenti locali. Lo sviluppo totale della rete stradale oggetto di eventuali interventi si
sviluppa per circa Km 123+578. Le strade oggetto degli interventi presentano barriere, guard rail, parapetti e muretti da adeguare o da sostituire, intersezioni da sistemare – con nuove canalizzazioni, segnaletica orizzontale e verticale, pulizia dei cigli, pertinenze e banchine – e opere da manutenere. Entrambi i contratti hanno una durata di 8 mesi. Il primo ha un costo di 885.000 euro mentre il secondo costerà circa 1.000.000 di euro.

“Si tratta – ha affermato il sindaco metropolitano, Luigi de Magistris – di interventi volti a garantire le migliori condizioni di sicurezza sulle strade. Abbiamo varato già provvedimenti per alcune aree, altri sono già programmati per assicurare la giusta manutenzione a tutta la rete stradale di nostra competenza”.

“Lo strumento degli accordi quadro – ha aggiunto il Ccnsigliere metropolitano delegato alle Strade, Raffaele Cacciapuoti – assicura una migliore pianificazione dei fabbisogni, la semplificazione delle procedure e un notevole risparmio di spesa, nell’ottica di una corretta programmazione degli interventi. Colgo l’occasione per ringraziare tutta la struttura tecnica e amministrativa che ha continuato a lavorare senza sosta anche in una condizione di oggettiva difficoltà”.