Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Tre aggressioni con feriti nella notte a Napoli. Al Pronto Soccorso dell’ospedale Pellegrini poco dopo la mezzanotte è arrivato un 16enne con una ferita da arma da taglio alla coscia destra. Secondo quanto dichiarato, sarebbe stato ferito da uno sconosciuto in maniera del tutto gratuita, in Largo San Giovanni Maggiore.
Dieci i giorni di prognosi prescritti. Il minore è stato riaffidato ai genitori. Indagini in corso dei Carabinieri per ricostruire dinamica e accertare identità del responsabile.
Ancora al Pellegrini, a distanza di qualche minuto, si è presentato un secondo minore, di 14 anni. Ha detto di essere stato aggredito da alcune persone davanti ad un bar in via dei Carrozzieri a Monteoliveto. Sarebbe stato colpito al volto e alla testa con schiaffi e pugni. Ignote le motivazioni. Ventuno i giorni di prognosi prescritti dai sanitari del Pronto Soccorso dove è giunto accompagnato da alcuni passanti. Anche su quest’episodio indagano i carabinieri della compagnia Napoli Centro per accertare la dinamica e individuare i responsabili.
Il minore, una volta dimesso, è stato riaffidato ai genitori.
La situazione più preoccupante riguarda un nigeriano di 40 anni, ferito in più parti del corpo verosimilmente con un coltello. E’ tuttora ricoverato in prognosi riservata, anche lui al Pellegrini, ma non e’ in pericolo di vita. Sarebbe stato aggredito intorno alla mezzanotte da un altro extracomunitario, all’interno di uno shop nel quartiere Vasto, a ridosso della stazione metro di Piazza Garibaldi. Ancora poco chiare le motivazioni e la dinamica. Indagini sono in corso per identificare il responsabile a cura dei carabinieri della Compagnia Stella.