Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Cosa succederà nei prossimi giorni nel calcio italiano per l’emergenza Coronavirus? Tra precauzioni e provvedimenti continuano le comunicazioni riguardanti il Covid19. Dopo un weekend di partite e manifestazioni rinviate a data da destinarsi, negli ultimi giorni sono arrivate le prime decisioni effettive. Dopo la richiesta della  Federazione Italiana Gioco Calcio al Governo con la possibilità di fare giocare le partite, nelle Regioni in cui a causa del Coronavirus vige il divieto di disputare manifestazioni sportive fino a domenica 1° marzo, senza la presenza del pubblico è arrivata la risposta del ministro con delega allo Sport Vincenzo Spadafora che ha dato il via libera.

Questo fine settimana nelle aree interessate dall’emergenza Coronavirus le partite si disputeranno a porte chiuse. Per ora saranno 5 le partite della prossima giornata di Serie A che si disputeranno a porte chiuse nelle zone considerate a maggior rischio contagio che comprende Lombardia, Veneto  Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Liguria ed Emilia Romagna. Ma dopo l’ufficializzazione degli stadi a porte chiuse nel massimo campionato italiano, questo provvedimento potrebbe essere prolungato anche per la Coppa Italia

C’è un rischio: Napoli-Inter a porte chiuse il 5 Marzo. Dopo i primi tamponi di due donne risultati positivi ieri pomeriggio, è di questa mattina la notizia di una terza persona contagiata, questa volta nel capoluogo partenopeo. Si tratta di un uomo di 45 anni residente nel quartiere di San Carlo all’Arena, nella zona di piazza Carlo III. “Non c’è nessun focolaio a Napoli e in Campania” ha chiarito il sindaco Luigi de Magistris – ma la paura tra la gente è tanta. Sulla carta il divieto degli eventi sportivi a porte aperte dovrebbe scadere domenica 1° marzo, e dunque a partire da lunedì i match dovrebbero essere disputati nelle condizioni normali, ma cosa succederà in questi giorni?

In un primo momento la gara tra gli uomini di Gattuso e i nerazzurri sembrava dover essere spostata al 13 maggio, ma alla fine Napoli-Inter si potrebbe disputare a porte chiuse. Non è così scontato che anche la semifinale di ritorno tra Juventus e Milan, in programma mercoledì 4 marzo, si giochi a porte aperte. Nessun comunicato ufficiale, per il momento. La decisione definitiva verrà presa nei prossimi giorni ma la sensazione è che le sfide si possano disputare a porte chiuse.