Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – “Oggi sono emozionato come al mio matrimonio”: così Paolo Sorrentino racconta la giornata della premiere di ‘È stata la mano di Dio’ nella sua città, Napoli

“Sono emozionato moltissimo, qui viene compreso in ogni sfumatura, non sarà facile per me affrontarla”, aggiunge sull’evento di prima nazionale del film che è il candidato dell’Italia per la selezione all’Oscar internazionale e finalista agli ‘Oscar’ europei, gli Efa. 

“Il film fa la sua marcia, lenta e vediamo, si vive alla giornata” dichiara. “C’è un unico nume tutelare in questo film ed è Massimo Troisi. Non c’è Fellini, non c’è altro, solo il cinema di Troisi, dall’inizio alla fine”. Alcune scene grottesche, circensi del film, che uscirà il 24 novembre in sala e dal 15 dicembre nella piattaforma streaming Netflix, fanno riferimento al cinema del regista di Rimini ma Sorrentino ha spiazzato citando il regista napoletano e ‘Le vie del signore sono infinite’.