Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Le “baby gang” continuano a imperversare nei quartieri di Napoli. Dopo gli ultimi episodi legati alle antiche tradizioni del “Cippo di Sant’Antonio” ormai degenerate in atti di violenza urbana e vandalismo, arriva un’altra denuncia. Una cittadina ha segnalato su Facebook un episodio avvenuto ieri nel tardo pomeriggio a Materdei, quartiere ubicato a poche centinaia di metri dal centro storico del capoluogo campano.

Il copione è sempre lo stesso. Bande di ragazzini minorenni che stazionano ore ed ore nelle piazze e passano il proprio tempo libero a schernire e infastidire i passanti, alle volte con maniere più violente mentre ora “solo” lanciando acqua e alcool, nella totale indifferenza delle forze dell’ordine.
“Buongiorno, Volevo segnalare un episodio che si è verificato tra Piazza Scipione Ammirato e Via Leone Marsicano ieri nel tardo pomeriggio, e riguarda i soliti “ragazzacci” frequentatori della piazza! Questi ultimi oltre a fare su e giù con i loro ciclomotori con fare ‘minaccioso”, importunavano e schernivano i passanti con bottiglie di acqua e alcool! Io non so se è normale per noi abitanti del quartiere dover vivere con la paura di circolare liberamente! Le forze dell’ordine non intervengono, e se lo fanno con scarsi risultati visto che si tratta di minori! Io sono disposta a scendere in piazza anche ogni sera, occupando il suolo della piazza “fisicamente” per dare un messaggio a queste persone. Dirgli che nel quartiere non hanno nessun potere, che gli abitanti non hanno paura, che le regole vanno rispettate e soprattutto le persone vanno rispettate! Troviamo una soluzione. Soprattutto prima del periodo di Carnevale!”