Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Lo hanno chiamato l’anno delle bonifiche. Il 2018 sarà un anno molto speciale per Bagnoli. Lo assicurano tutti i componenti della cabina di regia che si è riunita oggi nella prefettura di Napoli per analizzare i risultati delle analisi sui livelli di inquinamento.

Una precondizione per la bonifica integrale – sottolinea il ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti – la gara per le analisi di rischio sulle aree ex Italsider è stata aggiudicata e a gennaio partiranno queste attività. Si procederà adesso alla gara per l’affidamento dei lavori di bonifica integrale dall’amianto dell’area ex Eternit“.

La conferenza dei servizi che si è riunita lunedì scorso aveva infatti comunicato l’esito delle analisi. Il cronoprogrmma prevede la prossima riunione della cabina di regia, della quale fanno parte il Governo con il ministro De Vincenti e il commissario Salvo Nastasi, La Regione Campania, il Comune di Napoli e Invitalia come soggetto attuatore, a fine febbraio prossimo. Per allora, De vincenti conta di avere già il bando di gara per la progettazione della bonifica di tutta l’area, comprese le zone sottoposte a sequestro giudiziario.

Il nostro interlocutore è il tribunale – dice – e attendiamo la sentenza di primo grado che arriverà a giorni”. L’area di Bagnoli è stata suddivisa in 4 macrozone, tre delle quali di terra e una a mare. Per quest’ultima, a giorni si avranno i risultati delle caratterizzazioni dei fondali eseguite dalla Stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli. “Abbiamo raggiunto un accordo con l’Autorità portuale di Napoli – spiega Nastasi – per collocare in una vasca del porto, già utilizzata per il dragaggio del porto stesso, il sedime marino. La colmata sarà rimossa integralmente, ma bisognerà utilizzare una seconda vasca, che si sta già progettando sempre per il dragaggio del porto. E contiamo di raggiungere un accordo anche su questo”.

La colmata da un milione di metri cubi, per la quale sono naufragati diversi progetti di rimozione, dovra’ essere rimossa totalmente. Data la delicatezza delle operazioni di rimozione e trasporto dei rifiuti, De Vincenti assicura che sara’ istituito un nuovo tavolo, che coinvolga anche il ministero dell’Interno e il capo della polizia.

Un lavoro importante e un risultato storico per Napoli – sottolinea il sindaco, Luigi de Magistris – frutto di una collaborazione istituzionale nel rispetto del cronoprogramma. Parlare di bonifica integrale, di tutto l’amianto, e’ un risultato per noi napoletani che supera anche i confini della citta‘”.