Tempo di lettura: 3 minuti
 
Pomigliano D’Arco – Un panetto di cocaina e quasi sessanta dosi già confezionate e pronte per essere vendute al dettaglio. Il tutto nascosto in un vano ricavato sotto la vasca da bagno della propria abitazione al rione 219, nel comune di Pomigliano D’Arco. Ciro Basso, pregiudicato 44enne, credeva di essere in una “botte di ferro”. I carabinieri, invece, hanno bussato alla sua porta e dopo aver recuperato quel fiume di droga lo hanno tratto in arresto. Lo specialista dello spaccio è stato anche trovato in possesso di alcuni appunti con l’elenco dei “clienti” che erano stati occultati sotto una statua votiva di San Pio.
A effettuare la scoperta sono stati i carabinieri del Nucleo investigativo e dell’aliquota operativa di Castello di Cisterna, che ieri hanno ammanettato con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio Ciro Basso, 44enne di Pomigliano già noto alle forze dell’ordine. L’uomo aveva infatti realizzato nel bagno della propria abitazione una parete in cartongesso che doveva apparire come copertura delle tubature della vasca. In realtà si trattava di un vano all’interno del quale i militari, nel corso di una perquisizione mirata, hanno trovato un astuccio contenente 335 grammi di cocaina impacchettati in un involucro termosaldato e altre 56 dosi già confezionate. I carabinieri hanno sequestrato anche due presse per il confezionamento della droga e due bilancini di precisione. Non è tutto, per- Sotto una statua di San Pio, posizionata nell’androne della palazzina, erano stati infatti nascosti alcuni appunti relativi alla contabilità dell’attività di spaccio. I controlli sono poi proseguiti nella cantina dello stabile. Lì i carabinieri hanno ritrovato e sequestrato, stavolta a carico di ignoti, una pistola lanciarazzi e altri 45 grammi di marijuana. Ciro Basso si trova adesso agli arresti domiciliari.
 
 
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         Luigi Nicolosi