Tempo di lettura: 2 minuti

Il sindaco di Poggiomarino, Maurizio Falanga, ha annullato la cerimonia di accensione delle luci tricolori sulla facciata del Comune appena ha appreso la notizia della morte del giovane Giuseppe Perrino, il 29enne accasciatosi sul campo di calcio mentre disputava un torneo rionale intitolato quest’anno anche alla memoria del fratello Rocco, morto tre anni fa per un malore mentre era in bici. Un tragico destino che ha scosso l’intera comunità di Poggiomarino, che piange la scomparsa dei due fratelli, morti in circostanze analoghe. ”Solo qualche giorno fa – ha spiegato Falanga – ho inaugurato il torneo rionale e ricordato Rocco. Ieri sera quest’altra tragica fatalità, che ci ha spinto ad annullare la cerimonia per la Festa della Repubblica, la prima per la nostra Amministrazione: dovevamo illuminare la facciata con le luci del tricolore allo scoccare della mezzanotte, ma abbiamo preferito dare il nostro cordoglio ad una famiglia già duramente provata, alla quale esprimo la vicinanza di tutta la nostra comunità. Giuseppe purtroppo si ricongiunge all’amato fratello Rocco”. Giuseppe era un calciatore, e negli anni scorsi aveva rivestito le maglie di molte squadre, tra cui Parma, Sapri, Ebolitana, Battipagliese, Turris e Real Poggiomarino. ”Era molto bravo – ricorda il sindaco – ha fatto molti provini in squadre importanti. Spesso il papà lo seguiva durante le partite, ma ieri sera, a quanto ho appreso, non era sul campo”.