Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – I carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione a 10 ordinanze di custodia cautelare nei comuni dell’hinterland a Nord di Napoli arrestando 10 indagati ritenuti legati ai clan camorristici degli “Orlando” e “Nuvoletta-Lubrano”. Le accuse, a vario titolo, sono di associazione di tipo mafioso e di estorsione aggravata da finalità mafiose. L’indagine è il proseguimento delle attività, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, che lo scorso 18 aprile portò a 33 provvedimenti cautelari e a fine di giugno a un sequestro di beni per circa 10 milioni di euro. Ieri, invece, è stato scoperto un arsenale con 4 kalashnikov, una mitragliatrice, un fucile, 3 semiautomatiche e circa 600 cartucce trovati nel garage di un incensurato 22enne.

I nomi degli arrestati  – L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa nei confronti di Raffaele Orlando ( nato a Marano di Napoli nel 1954), Angelo Orlando (nato a Napoli nel 1979), Castrese Carbone (nato a Napoli nel 1980), Raffaele Veccia (nato a Napoli nel 1977), Mario Sarappo (nato a Napoli nel 1969), Giuseppe Assenzo (nato a Napoli nel 1969), Salvatore Trinchillo ( nato a Mugnano di Napoli nel 1961), Cristoforo Chianese (nato a Villaricca nel 1971), Chiara Catuogno (nata a Napoli nel 1979), Vittorio Felaco (nato a Mugnano di Napoli nel 1992) e Crescenzo Muoio (nato a Villaricca nel 1963). 

L’operazione – L’indagine condotta dai militari ha accertato ulteriori ipotesi estorsive ad opera del clan “Orlando” che ha ampliato e consolidato la propria egemonia anche su Calvizzano. Si è scoperto che il sodalizio è al corrente di ogni attività di edilizia, anche privata, in atto sul territorio e si avvale anche di esperti per la quantificazione dei lavori da eseguirsi al cui importo va calcolata la tangente da estorcere. Alcune ipotesi estorsive sono riferite all’attività di recupero credito. In pratica il presunto creditore si rivolge al clan che, utilizzando la forma di intimidazione, garantisce previo consenso la riscossione del credito vantato.