Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Società 1, calciatori 0: palla al centro. È quanto emerge dal ricorso respinto fatto dai seguenti tesserati del Napoli: Lozano, Zielinski, Insigne, Mertens, Manolas e Milik. I giocatori azzurri avevano chiesto la ricusazione dell’arbitro Bruno Piacci, considerato una figura non super partes visto che aveva già preso parte a 24 vertenze riguardanti la SSC Napoli

La tesi di Insigne e compagni però, in merito alla lunga querelle legata alle multe post-Salisburgo, non è stata accolta. La sensazione è che, nonostante i buoni risultati delle ultime uscite e la rivoluzione data da Gattuso nelle ultime settimane, il club non abbia intenzione di tirarsi indietro sulla questione. Ecco quanto riporta in giornata La Gazzetta dello Sport

“Il giudice Arduino Buttafoco ha respinto l’istanza presentata da sei calciatori (Insigne, Lozano, Manolas, Mertens, Milik e Zielinski) attraverso i legali Rigo, Stropparo e Diana, che intendevano ricusare Bruno Piacci, l’arbitro nominato dal Napoli per i 24 collegi che dovranno formarsi. […]

[…] La decisione spetterà ai tribunali competenti di Napoli (per le multe superiori ai 50 mila euro, 16 collegi)) e Roma (quelle sotto la cifra suddetta, i rimanenti 8). Insomma ci saranno altri round e sullo sfondo rimane l’incubo dei giocatori: la causa civile che De Laurentiis intende far partire dopo la definizione delle multe «per danni di immagine»”.