Tempo di lettura: 4 minuti

Somma Vesuviana (Na) – “Mancano poche ore alla Maratona podistica di Telethon. Ben 500 atleti, domani, Domenica 26 Settembre correranno per la ricerca scientifica. L’obiettivo è raccogliere i fondi per la ricerca sulle malattie rare. Quest’anno la maratona che tradizionalmente si svolgeva a Napoli, si terrà a Somma Vesuviana, la città della Villa Augustea e coinvolgerà Sant’Anastasia, la città del Santuario Mariano. Alle ore 8 il raduno degli atleti sarà in Piazza Vittorio Emanuele III, alle ore 8 e 30 la partenza da Via Aldo Moro. Alle ore 8 e 45 l’esibizione della Fanfara dei Carabinieri 10 Reggimento Napoli. Sarà Rosa Maria Esilio, moglie del brigadiere Mario Cerciello Rega, assassinato a Roma, a dare il via alla partenza. Gli atleti proseguiranno lungo Via Roma, poi Via Mercato Vecchio, Via Santo Spirito, Via Pomintella, Via Somma, Via Antonio D’Auria, Via Madonna dell’Arco. In località Boschetto troveranno il saluto del sindaco di Sant’Anastasia, Carmine Esposito, poi proseguiranno su Piazza Madonna dell’Arco, Via Romani, Via Pertini, Via De Gasperi, Via Gramsci per ritornare su Via Madonna dell’Arco, proseguire su Via Marconi, Corso Umberto I, per fare nuovamente ingresso a Somma Vesuviana andando su Via Somma, Via Pomintella, Via Santo Spirito, Via Mercato Vecchio, imboccheranno Via Casaraia, Via Gramsci e tagliare il traguardo in Via Aldo Moro”. Lo ha affermato Tancredi Cimmino, Coordinatore di Telethon per Napoli e provincia.

Sono ben 6000 le malattie genetiche e l’impegno di Telethon è costante anche all’estero.

Le malattie genetiche sono circa 6000 e Telethon ci prova con costanza nel tentativo di trovare, grazie alla ricerca, le cure giuste. Siamo in prima linea da più 30 anni – ha continuato Tancredi –  e la Fondazione Telethon ogni giorno con i suoi Istituti, i suoi ricercatori, c’è ogni giorno. Al Tigem di Pozzuoli e al Tigem di Milano lavorano quotidianamente per salvare la vita a bambini, giovani, adulti e lo fanno senza sosta per dare una speranza ed una luce a tutte le persone che magari avrebbero vissuto in un tunnel buio. Noi ci proviamo ma abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti”.

L’appello del sindaco Salvatore Di Sarno.

Partecipiamo con entusiasmo ed ovviamente nel rispetto delle norme anti Covid. Questo è l’appello rivolto alla popolazione. Portare l’ evento sportivo che si svolge nell’ambito della programmazione Telethon, a Somma Vesuviana è davvero una grande opportunità per Somma Vesuviana – Salvatore Di Sarno –  dove arriveranno ben 500 atleti che hanno fatto una scelta forte: correre per la ricerca sulle malattie rare. Chiedo ai cittadini di prendere visione delle strade e relativi incroci del percorso che ovviamente resteranno chiusi al traffico”.

Domani – Domenica 26 Settembre dalle ore 8 Somma Vesuviana e Sant’Anastasia saranno un grande villaggio sportivo per la ricerca.  

Essere riusciti a portare la tradizionale maratona podistica di Telethon in provincia ed in particolare ai piedi del Monte Somma, testimonianza dell’antichità, non rappresenta la vittoria di due città ma la vittoria di un intero territorio. Ben 500 atleti, domani, Domenica 26 Settembre correranno per la ricerca scientifica  – ha affermato Sergio D’Avino, Assessore allo Sport del Comune di Somma Vesuviana – e Somma Vesuviana, Sant’Anastasia, i loro vicoli, le loro strade e piazze, saranno veramente villaggio sportivo per la solidarietà. Un successo, quello dell’arrivo dell’importante maratona podistica di Telethon, possibile grazie al lavoro del Coordinatore Telethon di Napoli e provincia, Tancredi Cimmino, al Presidente del Comitato Promotore, Francesco Lettieri e alla sinergia tra due Enti Comunali come quelli di Somma Vesuviana e Sant’Anastasia. Sarà una giornata di sport e vedere Somma come grande villaggio dello sport per la solidarietà credo che sia un segno di presenza forte delle istituzioni sul territorio”.

Partenza e arrivo con i due sindaci: Salvatore Di Sarno (Somma Vesuviana) e Carmine Esposito (Sant’Anastasia). Somma Vesuviana e Sant’Anastasia, Domenica 26 Settembre, dalle ore 9, saranno un vero villaggio dello sport, dell’umanità, per la ricerca scientifica.