Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Aurelio De Laurentiis, i figli Edoardo, Luigi e Valentino, sua moglie Jacqueline e Andrea Chiavelli, possono esultare. Tornano a salire i compensi per gli amministratori del Napoli e come riporta il sito ‘Calcioefinanza’, il club azzurro, tra le big del nostro calcio, è quello che ha aumentato maggiormente “l’ingaggio” ai membri del Cda. “L’utile nell’esercizio chiuso il 30 giugno 2019 ha permesso infatti alla società partenopea di alzare nuovamente i compensi del Consiglio d’Amministrazione, che hanno toccato quota 5 milioni dopo l’1,025 milioni distribuiti nell’esercizio 2018”. E se per Mertens e Callejon non si possono fare sforzi sull’ingaggio per trattenerli, a Edo e Chiavelli gli si alza lo stipendio come se fossero dei veri top-player. I compensi del Napoli, infatti, restano in casa, perché la maggior parte gli amministratori del club sono tutti della famiglia del patron della Filmauro. “Fino al 2014, infatti, il Cda era formato, oltre che dal patron (che è anche amministratore delegato), da i figli Edoardo (vicepresidente) e Valentina, da sua moglie Jacqueline (vicepresidente) e da Andrea Chiavelli, braccio destro del presidentissimo azzurro e ufficialmente consigliere delegato. Dal 2015 è entrato nel ramo sportivo della famiglia anche il terzo figlio, Luigi, che fino a quel momento si era occupato principalmente della FilmAuro. Nel corso delle 15 stagioni con De Laurentiis alla guida del Napoli, i compensi per il CdA sono stati pari a 30,5 milioni di euro. Nei primi quattro esercizi, gli amministratori non hanno ricevuto alcun compenso: dopo i 240mila euro del 2009, poi, dal 2011 sono stati 30,3 i milioni di compensi, con una media di 2 milioni l’anno considerando i 15 anni e di 3,3 milioni considerando solo dal 2011 in poi”.

Dati SSC Napoli: