Tempo di lettura: 2 minuti

Il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale, Armando Cesaro, attacca la collega del M5s, Valeria Ciarambino, che su Facebook lo appella come “figlioletto di Gigino ’a purpett” accusandolo di aver “inciuciato con De Luca”.

”Cara Valeria Ciarambino”, scrive su Facebook Armando Cesaro, “hai tirato in ballo mio padre ed un’altra sfilza di nomi per rispondere a quello che ti avevo chiesto nei limiti della dialettica politica. Di rimando, potrei citare il metodo attraverso cui hai trovato un lavoro a tuo marito all’interno del Movimento oppure, sempre a proposito di padri, quel Tonino Di Maio che pure conosci bene, essendo compaesano tuo. Insomma, come vedi, potremmo perdere le giornate a parlare di quello che hanno fatto gli amici e i parenti dell’uno e dell’altro, ma ti prego, restiamo sul pezzo, perché è quello che interessa ai cittadini. Non si è capito se hai negato l’accordo col centrosinistra per le prossime regionali, ma ti do una notizia in esclusiva: noi non andremo con loro. E su questo ci metto la mano sul fuoco. Tu, invece? Non credo proprio. Ormai”, aggiunge Cesaro, “ avete fatto dell’incoerenza la vostra cifra umana più che politica. Un’ultima cosa che però ritengo importante: quando nomini mio padre accompagnandolo con quello che ritieni un soprannome, sappi che si tratta di un’offesa basata sulla stazza fisica. Un problema di cui soffrono in tanti. Non solo, quando De Luca, tuo futuro sposo politico, ti apostrofò in un modo simile, fui tra i primi a darti la mia più sincera solidarietà. E lo rifarei sempre. Avessi un minimo di cultura politica lo riconosceresti ma, come direbbe qualcuno”, conclude Armando Cesaro, “sei fatta della stessa sostanza di Di Maio (quindi 90% d’acqua, come sostenne lui una volta)”.